I primi tre mesi del 2016 hanno fatto segnare una decisa crescita di Android, proporzionalmente la maggiore degli ultimi anni in un periodo di 90 giorni, e questa crescita è stata logicamente ai danni di iOS, più che degli altri sistemi operativi mobili. Lo dicono gli analisti di Kantar, secondo cui questo incremento delle quote di mercato è dovuto soprattutto alla preferenza che in questa fase del mercato gli utenti mostrano verso gli smartphone di fascia media, un segmento in cui sino a poco tempo fa Apple latitava.

Nei principali cinque Paesi europei (Regno Unito, Germania, Francia, Italia, Spagna) Android è salito a una quota di mercato del 75,6 percento mentre iOS è passato al 18,9 percento. Resta più indietro Windows Phone/10 (4,9 percento) che sta costantemente perdendo utenti. I tre sistemi operativi si scambiano utenti ma in percentuale minima. Ad esempio, il 3,3 percento dei nuovi utenti Android viene da iOS mentre il 2,6 percento dei nuovi utilizzatori di iOS viene da Windows.

La crescita dei sistemi operativi è tutta legata ai nuovi utenti e qui la carta che ha giocato il mondo Android è quella della differenziazione dell'offerta. In questo periodo la preferenza dei consumatori va verso smartphone di fascia media con un buon rapporto prezzo/prestazioni e ci sono diversi modelli interessanti in questo senso nell'offerta Android, anche andando fuori dal giro dei soliti noti e seguendo marchi relativamente nuovi come Huawei.

kantarTra le varie nazioni, l'Italia è peraltro tra quelle con l'utenza iOS più fedele: nel primo trimestre 2016 la quota di iOS è cresciuta passando dal 14,5 al 14,8 percento. Android è al 78,3 e Windows al 6,3, confermando il nostro Paese tra quelli ancora più legati alla piattaforma di Microsoft.

A cambiare le carte in tavola a livello globale dovrebbe essere iPhone SE: sappiamo che la risposta del mercato allo smartphone "medio" di Apple è stata molto positiva, le buone vendite di questo modello potrebbero invertire l'andamento delle crescite relative di iOS e Android.

LASCIA UN COMMENTO