Dieci buoni motivi per passare a iOS 10

passare a iOS 10

Oggi debutta iOS 10, un aggiornamento sostanziale perché le novità che Apple ha apportato al suo sistema operativo mobile sono molte e cercano di rendere i dispositivi iOS più versatili e utili. iOS 10 è più vicino a come sta cambiando il modo di comunicare tra le persone e all'innovazione tecnologica che si sta diffondendo anche in aspetti non evidentemente "informatici" della nostra vita.

Ecco quindi le principali caratteristiche di iOS 10 che è bene conoscere e che secondo noi possono motivare l'aggiornamento. Sempre che se il vostro sia uno dei device compatibili.

1. Il nuovo iMessage

L’app Messaggi in iOS 10 è completamente rivoluzionata e può gestire molti più contenuti di prima. Tra le novità più importanti ci sono i messaggi in Digital Touch, una forma particolare di messaggio animato con effetti predefiniti (un bacio, un cuore pulsante, una fiamma…) e la possibilità di tracciare tratti in vari colori. Possiamo anche scrivere a mano e collegarci ad app di terze parti che permettono di inserire in un messaggio un brano musicale di Musica o GIF animate.

Gli emoji sono ora più grandi, i suggerimenti predittivi li comprendono e soprattutto c’è un riconoscimento automatico dei termini che possono essere convertiti in emoji. Toccando il tasto degli emoji questi termini vengono evidenziati in arancione e, toccandoli, sono sostituiti dai relativi emoji.

Ci sono poi le reazioni e gli effetti. Tocchiamo il fumetto di un messaggio per far apparire sei reazioni (risata, stupore, dubbio, pollici su e giù, un cuore), scegliamone una e il nostro interlocutore la vedrà come piccolo fumetto su quello del messaggio originale. Possiamo anche applicare al fumetto del nostro messaggio effetti di animazione particolari. Come l’inchiostro magico: il fumetto appare coperto da una polvere luminosa che il destinatario deve spazzare via con il dito per rivelare il messaggio.

2. Notifiche più smart

In iOS sinora le notifiche non sempre avevano una vera utilità. In iOS 10 diventano più grandi e chiare, con più funzioni immediate per ridurre la necessità di sbloccare l’iPhone per gestire le app relative. Infatti le notifiche sono destinate a diventare molto più interattive e ricche di informazioni, man mano che gli sviluppatori adotteranno le nuove funzioni offerte da Apple.

In particolare chi ha un iPhone con 3D Touch può fare di più toccando e tenendo premuta una notifica. Ad esempio in questo modo quelle di Mail mostrano più testo del messaggio e subito la possibilità di cestinarlo o archiviarlo. Per un iMessage si può invece mostrare subito la sequenza di scambi con il mittente.

3. Più ordine nella schermata di blocco

Cosa fare con un iPhone bloccato non era sempre chiaro. Ora Apple in iOS 10 ha messo ordine nella schermata di blocco, o meglio l'ha circondata con elementi ben definiti e spesso utili: la schermata Oggi a sinistra, le notifiche autonome in alto, la fotocamera a destra e il nuovo Control Center in basso.

Gli iPhone più recenti hanno anche la funzione “raise to wake”, con cui iPhone si attiva non appena lo prendiamo in mano, un po’ come Apple Watch quando muoviamo il polso.

4. Il Centro di Controllo multiplo

Il Control Center era troppo affollato e in iOS 10 Apple ha pensato di suddividerlo in più pannelli. Dalla parte bassa dello schermo si estrae la schermata principale con i controlli di base: modalità Aeroplano, wireless, blocco rotazione, Non disturbare, AirPlay, AirDrop, Night Shift e le funzioni accessorie (torcia, timer, calcolatrice, fotocamera).

Scorrendo il pannello verso sinistra appaiono separatamente i controlli per la riproduzione dei contenuti multimediali. Scorrendo ancora una volta appare una sezione dedicata solo alla parte domotica della nuova app Casa, se questa è attiva e configurata con qualche dispositivo da controllare.

5. L’app Casa

La nuova app di sistema Casa è idealmente il luogo digitale da cui controllare tutti i dispositivi smart della nostra abitazione. Ha quindi il compito di rilevare automaticamente i dispositivi compatibili e usare le funzioni di controllo che mettono a disposizione. Casa è anche un controllore di scenari, ossia configurazioni personalizzate dei dispositivi che si attivano in funzione di comandi espliciti o in determinate condizioni.

L’app Casa prevede anche la possibilità di dedicare un iPad al controllo domotico e di eseguirlo tramite Apple TV. Il tutto è molto promettente, ma in funzione del successo di HomeKit.

6. La Universal Clipboard

All'inizio sembra poca cosa, poi nell'uso quotidiano la Universal Clipboard si rivela molto utile e dal funzionamento quasi troppo "magico" per essere una funzione da sistema operativo. Copi qualcosa su un Mac con Comando-C e poi fai un Incolla su iPad ed ecco che dopo qualche istante il contenuto degli Appunti di un Mac passa su un dispositivo iOS. E anche viceversa.

A voler essere critici a tutti i costi è una funzione davvero utile solo per chi usa più device contemporaneamente e non saranno magari in tantissimi, ma per gli utenti "intensivi" dei device Apple è una di quelle funzioni che ora ci si chiede perché non sia mai stata integrata prima tra le possibilità di iCloud.

7. Foto e i Ricordi

La funzione Ricordi è la novità di Foto: crea automaticamente brevi video di presentazione combinando insieme le fotografie della Libreria dell’app. La selezione è affidata agli algoritmi di iOS e i Ricordi hanno una loro sezione specifica della toolbar nella parte bassa dello schermo.

Toccando Ricordi appare una sequenza delle presentazioni che Foto ha già assemblato e che giudica più importanti delle altre. Possiamo arricchire la sequenza anche manualmente e della presentazione assemblata da iOS si può cambiare quasi tutto, dal titolo alla musica di sottofondo passando per la durata.

8. Bedtime, per un sonno migliore

Dopo Night Shift, adesso Bedtime. O meglio Sonno, come recita la localizzazione in italiano. La funzione è integrata nell’app di sistema Orologio: indichiamo l’orario in cui dobbiamo svegliarci abitualmente e le ore che dovremmo dormire, in base a questo Orologio ci avvisa quando è ora di andare a letto e ci sveglia poi di conseguenza.

Non è un monitor del sonno e della sua qualità, però nel suo piccolo cerca di spingerci ad andare a letto sempre alla stessa ora a dormire sempre la stessa quantità di ore. Il che è un bene.

9. Contatti più pratici

Trascurata da un po’, l’app Contatti ha avuto una riprogettazione grafica in cui sono posti in immediata evidenza i pulsanti per chiamare il contatto, mandare un messaggio, lanciare una sessione FaceTime o inviare una mail.

In base alle informazioni che abbiamo memorizzato su quel contatto, sono evidenziati solo i canali di comunicazione che possiamo effettivamente attivare. Ad esempio non è previsto FaceTime per chi non ha un iPhone.

10. Widget modificati

La nuova organizzazione della schermata Oggi prevede widget più chiari e utili. È sempre possibile organizzarli con il pulsante Modifica che si trova in fondo alla schermata stessa, per chi ha un iPhone con 3D Touch c’è anche una possibilità in più: toccare e tenere premuta un’app per far apparire un menu contestuale che riporta, se l’app ha un suo widget, il comando per attivarlo.

Il rinnovamento dei widget non è una rivoluzione ma aiuta ad avere sott’occhio alcune informazioni di sintesi, dal meteo ai tempi di percorrenza previsti per tornare a casa.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO