FileMaker 12, il database unico per desktop, Web e dispositivi mobili

Applicazioni –

La nuova edizione porta numerose novità commerciali e tecnologiche, volte a creare una piattaforma unica e a favorire il dialogo fra i diversi prodotti hardware. Cambia però il formato dei file e non è consentita la compatibilità a ritroso.

FileMaker ha
aggiornato la propria linea principale di software database. La gamma, nel suo
complesso, è ora composta da sei prodotti, quattro per Mac e Windows e due per
iOS. La famiglia desktop è costituita dai prodotti FileMaker Pro 12, FileMaker
Pro 12 Advanced, FileMaker Server 12 e FileMaker Server 12 Advanced; la coppia
di prodotti per la mobilità comprende FileMaker Go 12 per iPad e FileMaker Go
12 per iPhone.

Già dalla
numerazione si può intuire come FileMaker intenda proporre questa gamma
aggiornata come una piattaforma uniforme e integrata. Le due App per iOS non
hanno più, infatti, una numerazione propria, ma acquisiscono lo stesso numero
di versione dei prodotti desktop, quasi a voler sottolineare che i vari
componenti della famiglia sono ora allineati.

FileMaker Go 12
per iPad e FileMaker Go 12 per iPhone, informa il produttore, supportano i
database FileMaker Pro 12 e, notizia importante e segnale positivo, sono ora
gratuiti, potranno quindi essere scaricate gratuitamente da App Store. Con la
nuova versione, FileMaker 12 introduce un nuovo formato file e i database
creati con le versioni precedenti dovranno essere aggiornati al nuovo formato
per poter essere aperti e modificati in FileMaker 12. Quando si apre in
FileMaker 12 un database esistente, realizzato con una versione precedente, il
software chiede di convertire il database per renderlo compatibile con la nuova
versione. Una volta convertito nel nuovo formato di file, il database non sarà
più compatibile con le versioni precedenti di FileMaker e non sarà più
possibile aprirlo con esse. La conversione avviene automaticamente.

Non c’è
interoperatività tra le diverse versioni di FileMaker: i prodotti della gamma
FileMaker 12 possono funzionare e integrarsi solo con altri prodotti FileMaker
12. Non c’è quindi possibilità di creare ambienti di lavoro ibridi. Per chi
preferisce o ha necessità di rimanere al momento fermo alla versione
precedente, le App per iOS nella versione precedente continuano a essere
disponibili su iTunes App Store, al prezzo corrente e quindi non gratuitamente,
e sono semplicemente rinominate FileMaker Go 11 per iPad e FileMaker Go 11 per
iPhone. Nel nome si registra anche una piccola modifica stilistica per gli
utenti italiani: il titolo dell’App perde l’inglese “for” e assume una forma
più consona al nostro idioma.

Vediamo
invece quali sono i prezzi delle edizioni desktop: FileMaker Pro 12 costa 349
euro nella versione Full e 209 euro in quella Aggiornamento; FileMaker Pro 12
Advanced costa 499 euro + Iva nella versione Full e 299 euro + Iva in quella
Aggiornamento; FileMaker Server 12 costa 999 euro + Iva nella versione Full e
599 euro + Iva in quella Aggiornamento; FileMaker Server 12 Advanced costa
2.849 euro + Iva nella versione Full e 1.709 euro + Iva per quella
Aggiornamento.

FileMaker Pro 12 e FileMaker Pro 12 Advanced richiedono Snow
Leopard o Lion, viene dunque abbandonato il supporto per Leopard e quindi per
le piattaforme PowerPC (l’applicazione è solo Intel). FileMaker Server 12 e
FileMaker Server 12 richiedono Mac OS X 10.6.8 Snow Leopard e 10.6.8 Server oppure
Mac OS X 10.7 Lion e 10.7 Lion Server.

Le nuove funzioni

Abbiamo potuto assistere a una demo delle nuove funzionalità del
software, condotta da FileMaker su una versione preliminare di FileMaker Pro 12
su Mac. Il primo ambito su cui sono stati introdotti miglioramenti nella
versione 12 è quello grafico e della presentazione dei dati, con una nuova
struttura a temi. È ora possibile rendere più gradevole l’aspetto di un
database in visualizzazione, in maniera rapida, scegliendo uno tra i 40 temi
disponibili e preconfezionati da FileMaker ed è possibile cambiare aspetto e
layout in maniera semplice e rapida, applicando un altro tema. Un tema è una
collezione di attributi di visualizzazione quali font, colori, bordi, stili dei
campi e dei controlli e così via.

Sono disponibili anche formati ottimizzati per la
visualizzazione sugli schermi di iPad e iPhone. Sempre per poter rendere più
gradevole il design del database, ci sono nuove opzioni di formattazione, come
ad esempio gradienti, riempimento con immagini, trasparenze, angoli
arrotondati, stati oggetto, che offrono maggiori possibilità di intervento
sull’aspetto degli elementi. È stata inoltre semplificata e resa più
precisa la lavorazione sul layout mediante guide d’allineamento e griglie. Anche
le sedici soluzioni pronte per l’uso – opzione già nota dalle versioni
precedenti, che consente di creare in maniera rapida soluzioni per vari tipi di
attività – si basano sui temi e comprendono layout ottimizzati per iPad e
iPhone.

Un’altra area su cui FileMaker è intervenuta
per la versione 12 è la gestione dei campi contenitori, sia per i formati
sia per le funzionalità. È possibile preservare  livelli di interattività
nel file binario incluso, ad esempio per consentire di sfogliare le pagine di
un PDF direttamente nel campo contenitore e non solo vederne l’anteprima. È
stata potenziata anche la gestione dei file, che FileMaker può ora gestire e
criptare esternamente in maniera automatica: è infatti possibile registrare
all’esterno, nel file system, i file binari inclusi in un contenitore, anche in
modalità sicura. Per una fruizione più fluida anche in presenza di file
multimediali FileMaker può generare automaticamente anteprime di immagini ad
alta risoluzione ed è possibile eseguire lo streaming di contenuti audio o
video con FileMaker Server. Su iPad o iPhone, è possibile registrare video e
audio direttamente nei campi Contenitore e riprodurre i contenuti via AirPlay.

Sono stati inseriti cinque nuovi stili di grafici: a bolle, a
dispersione, istogramma positivo e negativo, istogramma in pila e barre in
pila. È anche possibile creare e personalizzare in maniera più rapida i
grafici. Anche gli sviluppatori e utenti avanzati hanno nuove funzionalità a
disposizione, come ad esempio la possibilità di creare finestre di dialogo
modali o flottanti. FileMaker ha inoltre aggiunto alcune nuove istruzioni di
script.

Le versioni server

Sono
state annunciate novità anche per quel che riguarda FileMaker Server 12 e
FileMaker Server 12 Advanced. Innanzitutto sfruttano ora un’architettura a 64
bit e si avvantaggiano di una potenziata gestione della cache. FileMaker
comunica che è stata introdotta anche una migliore gestione dei file remoti,
con la creazione automatica della struttura delle cartelle, possibilità di
criptaggio e di backup dei file. La nuova versione 12 permette di effettuare lo
streaming dei file, con la possibilità quindi di una più immediata e agile
fruizione dei contenuti, lato client. Tra le funzioni migliorate c’è anche il motore
di pubblicazione web, riscritto per aumentarne prestazioni e stabilità: secondo
i dati forniti da FileMaker esso ora è in grado di supportare fino a 200
connessioni concorrenti e garantisce performance più alte in fase di
caricamento. È stata migliorata anche la gestione dei backup. In FileMaker
Server 12 Advanced è stata introdotta una pagina Home in cui sono elencati
tutti i database accessibili a un determinato gruppo, facilitandone
l’amministrazione. E’ state inoltre semplificata la configurazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here