Dettare al Mac

Il programma è fruibile fin da subito, ma prendendo confidenza con il manuale scopriremo che si possono immettere numeri, anche romani, diversi simboli matematici, simboli di valute, date e ore, tutti i tipi di accento, le dieresi, le cediglie, …

Il programma è fruibile fin da subito, ma prendendo confidenza con il manuale scopriremo che si possono immettere numeri, anche romani, diversi simboli matematici, simboli di valute, date e ore, tutti i tipi di accento, le dieresi, le cediglie, lettere non latine come š, ß ecc. Addirittura tre faccine smilies: sorridente, triste e con occhiolino.
Gli ordini vocali permettono di fare praticamente tutto quello che potremmo eseguire via tastiera e mouse, anche per navigare all'interno del testo, compresa la selezione di parti e la loro modifica. Esistono anche comandi vocali che corrispondono all'azione materiale su tasti e combinazioni di tasti. Nonostante il lungo elenco di comandi disponibili, questi per la gran parte sono abbastanza ovvi e dunque non difficili da ricordare, con tempi di apprendimento non lunghissimi.

L'interfaccia è studiata per essere il meno invasiva possibile. In pratica, quando si lancia Dictate si attiva una minuscola finestra di comando che racchiude tutto ciò di cui abbiamo bisogno per lavorare. La finestra rimane visibile in trasparenza e può fluttuare sulle altre finestre del Finder o delle applicazioni aperte.

Eventualmente possiamo aprire una pagina bianca dell'apposito Blocco Note incorporato e cominciare a dettarvi i nostri materiali per poi copiarli e immetterli all'interno di altre applicazioni, condizione di lavoro altamente consigliata dal produttore, specie per chi è alle prime armi con il programma. Ciò perché - a differenza dell'operare in Word, OpenOffice, TextEdit o altri programmi ospite - il Blocco Note Dictate ha una visione complessiva di tutto il testo inserito e si trova a suo agio nel ricordare qualsiasi selezione o navigazione effettuata con mouse o tastiera, cosa che non sempre avviene operando all'interno dei programmi, nei quali vige la regola “quando si lavora con il testo, non mescolare la voce con le mani”.
È importante non affidarsi ciecamente al lavoro di Dictate e tenere sempre d'occhio cosa sta scrivendo, perché le sorprese sono sempre in agguato, specialmente nei primi tempi, quando non ha ancora appreso i nuovi vocaboli che deduce dal nostro modo di scrivere, in un continuo migliorarsi e affinarsi. Ad esempio la parola “compitazione” durante il test non è stata mai riconosciuta e al suo posto abbiamo ottenuto: “complicazione”, “compita azione”, “compito di io ho nel”, arrivando addirittura a “compi i pazzi giorni è”.
Sono anche possibili piccoli errori come plurali sbagliati, o confusione tra “ha” e “a”, e così via.
I
n generale la percentuale di questi refusi - rispetto alla totalità delle parole correttamente riconosciute - è minima e gli interventi che abbiamo dovuto operare sul testo non sono stati particolarmente consistenti. L'unica cosa poco naturale ci è apparsa la necessità di parlare per enunciati, cioè dividendo la nostra dettatura in pezzi di parlato (frasi o anche sentenze complete) inframmezzati da pause, per permettere al programma di lavorare al meglio. Un po' come faceva la maestra nella scuola Elementare.

La velocità di scrittura di ciò che dettiamo è sicuramente sufficiente ad accontentare un utilizzatore medio; un professionista della scrittura potrebbe non trovarsi a suo agio nel dettare un testo che egli stesso potrebbe digitare molto più velocemente.
Per queste tipologie di utilizzatori Dictate ci sembra essere indicato solo per permettere un po' di riposo alle articolazioni, mantenendo una produzione più che sufficiente.

Crediamo che Dictate International possa anche essere utile per alcune attività scolastiche. Ad esempio nell'aula di lingue per provare in modo motivante per gli studenti la loro abilità nel creare frasi compiute in tedesco, inglese o francese. Stessa cosa per i discenti disgrafici (cioè gli alunni con difficoltà nella letto-scrittura) per la creazione di testi in italiano, magari per la stesura di elaborati come relazioni o temi.

Ricordando che non possiamo confidare troppo nelle capacità di isolare i rumori di fondo di tutta l'apparecchiatura in dotazione e che non possiamo pensare di utilizzare Dictate in ambienti troppo rumorosi, lasciamo immaginare l'uso che ciascuno di noi potrebbe fare di questo veloce, efficiente, preciso e instancabile programma.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here