WD raddoppia la sicurezza dei dati con My Cloud Mirror

Storage –

La presenza di un secondo disco consente di configurare il dispositivo affiché esegua automaticamente il backup dei dati archiviati sul primo hard disk. Ma è anche possibile sfruttare appieno tutta la capacità disponibile, che può essere di 4 TB, 6TB o 8 TB.

Si chiama My Cloud Mirror l’ultimo nato all’interno della famiglia di
soluzioni consumer per il personal cloud proposta da WD. Il nuovo prodotto combina
la possibilità di accedere dovunque ci si trovi ai contenuti personali archiviati
in ambito domestico (tipica della gamma My Cloud) con la possibilità di
duplicare automaticamente i file su un secondo disco, per avere una maggiore
sicurezza circa l’integrità dei dati oppure per sfruttare tutta la capacità disponibile
combinando entrambi i dischi in un unico ampio volume.

Compatibile con
sistemi operativi Mac e PC, My Cloud Mirror utilizza la tecnologia RAID
(Redundant Array of Independent Disks) per fornire protezione dei dati extra e ulteriori
opzioni storage. In modalità mirror (RAID 1), My Cloud Mirror mantiene
continuamente una seconda copia di tutti i file digitali
per un backup in tempo
reale. Un disco viene utilizzato per archiviare i dati, mentre il secondo disco
è utilizzato per una seconda copia. Nel caso in cui un disco si guasti, tutti i
dati sono ancora disponibili sull’altro disco. In modalità spanning, il sistema dual-drive si combina invece in un unico
grande volume, lavorando come un singolo drive per offrire la massima capacità di
archiviazione.

My Cloud Mirror può essere inoltre utilizzato per eseguire il
backup automatico di tutti i computer presenti sulla rete. Gli Utenti Mac
possono utilizzare tutte le funzionalità del software di backup Time Machine mentre
gli utenti Windows possono utilizzare il software incluso WD SmartWare Pro per
il backup dei loro computer.

L’accesso
ovunque e in qualsiasi momento si ottiene tramite l’app gratuita WD My Cloud per
il mobile, che consente di visualizzare, condividere, salvare e gestire i file sia
da dispositivi iOS sia da Android
. L’app integra inoltre i principali servizi
di public cloud in modo che gli utenti possano trasferire file direttamente dai
loro account Dropbox, OneDrive (ex SkyDrive) e Google Drive.

My Cloud Mirror
sarà disponibile entro la fine di aprile nelle versioni con capacità da 4 TB, 6
TB e 8 TB
ai prezzi rispettivi di 389,99 euro, 489,99 euro e 599,99 euro.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here