Pictar One trasforma l’iPhone in una fotocamera

Pictar

Pictar è un'impugnatura per iPhone che trasforma lo smartphone della Mela in una fotocamera. Per prima cosa è una impugnatura che offre un grip ergonomico e una presa sicura, per poter scattare anche con una mano sola.  Ma l’impugnatura è quasi secondaria tra le funzioni di questo originale accessorio. Non si tratta infatti di una semplice impugnatura, di un semplice supporto meccanico. A renderlo uno strumento originale e innovativo per la fotografia con iPhone sono i controlli dedicati alle funzioni fotografiche dello smartphone, che prendono vita grazie a una app dedicata.

PictarInnanzitutto, chiaramente, per trasformare l’iPhone in una fotocamera “vera” ci vuole un pulsante di scatto (anche se, abbiamo imparato che ci sono modi per scattare in maniera rapida e comoda con iPhone pur senza ricorrere ad accessori esterni). Pictar è dotato di un pulsante di scatto che si comporta proprio come in una fotocamera. È infatti un pulsante otturatore multi-stato, che offre la “mezza pressione” per bloccare la messa a fuoco e l’esposizione e la pressione piena per lo scatto vero e proprio. Il pulsante è inoltre calibrato elettronicamente per una sensibilità ottimale. E naturalmente la posizione sull’impugnatura è studiata per essere ergonomica come su una vera fotocamera.

PictarCome una vera fotocamera c’è anche una ghiera per lo zoom. L’impugnatura è studiata in modo da consentire di scattare foto anche con una mano sola, e in questo caso si potrà regolare lo zoom ruotando la ghiera invece che reggendo l’iPhone ed effettuando i gesti sul display multi-touch con l’altra. La ghiera zoom alla pressione commuta tra le fotocamere dell’iPhone, per passare ad esempio in modalità selfie. E sempre come con fotocamere “vere”, anche abbastanza avanzate, abbiamo a disposizione anche una ghiera di compensazione dell’esposizione. Possiamo dunque regolare in maniera “fisica” la quantità di luce che ci serve per il nostro scatto.

PictarIn più, perché stiamo pur sempre operando con uno smartphone, è presente una Smart wheel. Questo controllo può essere programmato e personalizzato per controllare una a nostra scelta tra una varietà di funzioni. Come pre-impostazione, questa ghiera consente di commutare tra diversi preset di scatto. Tra l’altro, anche altri controlli di Pictar possono essere programmati in base ai gusti e alle esigenze dell’utente.

PictarA compiere la magia è naturalmente l’integrazione tra l’accessorio hardware e l’app dedicata. Anche la comunicazione tra Pictar e la sua app, che consente di sbloccare queste funzioni dell’accessorio che altrimenti non sarebbero utilizzabili, è inconsueta. Pictar, spiega il produttore, comunica con la app mediante suoni ad alta frequenza. L’impugnatura emette suoni ad alta frequenza e doppia tonalità che non vengono percepiti dall’orecchio umano ma che vengono riconosciuti dall’app la quale, in risposta, esegue l’azione desiderata.

Questo sistema, sempre in base alla spiegazione del produttore, ha il vantaggio di incrementare notevolmente la durata della batteria in confronto alla più comune connettività Bluetooth. La singola batteria che alimenta Pictar può infatti durare anche 4-6 mesi, in base alle indicazioni del produttore. L’impugnatura offre anche un aggancio standard da 1/4” per il fissaggio, ad esempio, su un treppiede e arriva con una custodia imbottita in dotazione.

L’impugnatura Pictar One è compatibile con vari modelli di iPhone ed esiste anche in versione Plus appunto per gli iPhone Plus. Modelli compatibili, informazioni tecniche e prezzi sono disponibili sul sito italiano dedicato al prodotto. Pictar è realizzato dalla azienda israeliana Miggo e importato in Italia da Image Consult.    

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here