iPad Pro, i 5 motivi perché mi piace

iPad Pro

È il prodotto del momento e non passa certo inosservato. L’iPad Pro è stato per lungo tempo un progetto di cui si è tanto sentito parlare ma sembrava non avrebbe mai visto la luce, anche perché non era una delle priorità per Jobs. Poi quasi d’improvviso il progetto si è concretizzato e quello che abbiamo tra le mani è in un prodotto decisamente innovativo, pur nella sua “tradizionale” conformazione da tablet. Ma va ben oltre le tavolette che abbiamo visto sinora e dalla sua ha diversi motivi per farlo diventare un prodotto di cui non sapremo più fare a meno. Vediamoli in dettagli

Lo schermo da 12,9”: con una risoluzione di 2732x2048 pixel a 264 dpi è il display più dettagliato usato sinora da Apple. La qualità delle immagini è impagabile e l’angolo di visualizzazione arriva praticamente a 180°. Va da sé che presentazioni, video e foto danno il meglio di sé sull’iPad Pro.

La possibilità di usare una penna (opzionale): un particolare trattamento dello schermo consente di usare l’iPad Pro come una vera tavoletta grafica, ottenendo un tratto realistico e potendo realizzare disegni. La sensibilità alla pressione permette di avere la sensazione di stare davvero lavorando su un foglio di carta.

La visualizzazione con due applicazioni affiancate: finalmente arriva su un iPad un vero multitasking, che consente di spostare dati da un’applicazione a un’altra, tenendole affiancate. Lo schermo può essere diviso per metà o con una proporzione 70%-30%, non sono concesse altre posizioni, ma è comunque una funzione molto comoda.

La potenza di un notebook: Apple quando lo ha presentato ha detto che l’iPad Pro è più potente dell’80% dei portatili in commercio. E quando lo si usa si ha la sensazione che sia anche più veloce, talmente è rapido e fluido. Un risultato dovuto alla presenza del nuovo processore A9X a 64 bit e a un’architettura totalmente rivista che permette un’autonomia fino a 10 ore anche con uno schermo da 12,9”. È possibile anche gestire più video 4K in contemporanea.

Una tastiera virtuale (o reale) full size: comodità significa anche non dover sacrificare nulla quando si scrive. E l’iPad Pro, per la prima volta su un tablet Apple, permette di avere a disposizione una tastiera identica quella che si ha su un Mac, aumentando l’operatività lavorativa e la produttività in generale. Se poi si vuole il massimo della versatilità è disponibile una tastiera esterna che fa anche da supporto e che si aggancia con un sistema innovativo che permette la ricarica della tastiera stessa.

L’iPad Pro non è solo un iPad più grande, è davvero un altro tipo di tablet che si indirizza a un pubblico ben definito. E il nome ne è una chiara indicazione. Se siete un professionista e i predetti motivi per voi fanno realmente la differenza, è una scelta imprescindibile.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO