iOS 11: più evidenza alla geolocalizzazione via app

Durante la scorsa WWDC, Apple ha dedicato una lunga presentazione ai temi della geolocalizzazione in iOS 11. Gli aspetti che interessano maggiormente gli utenti riguardano il fatto che Apple ha intenzione di rendere più chiaro quando un'app sta monitorando la nostra posizione e di forzare gli sviluppatori a non chiedere autorizzazioni di cui non hanno veramente bisogno.

Per quest'ultimo motivo le app che chiedono l'autorizzazione a monitorare sempre la nostra posizione dovranno contestualmente mostrare l'opzione che attiva il posizionamento solo quando l'applicazione è in uso. Apple consiglia poi di chiedere in primo luogo l'autorizzazione al monitoraggio quando l'app è in uso. Se l'utente lo concede, si può chiedere quella per il monitoraggio continuativo. Non è obbligatorio fare così, ma secondo Cupertino è una "best practice" da seguire in iOS 11.

Cambia anche il modo in cui iOS mostrerà che è in atto il controllo continuato della nostra posizione. Sinora abbiamo visto un piccolo ago di bussola nella barra di stato di iPhone. In iOS 11 vedremo invece una barra azzurro acceso a doppia altezza, impossibile da non notare.

È una visualizzazione "forte" che Apple potrebbe cambiare prima del rilascio definitivo di iOS 11. Non verrà adottata, comunque, per le applicazioni che non richiedono la posizione momento per momento ma solo se siamo nelle vicinanze di una certa posizione, come ad esempio le app che usano funzioni di geofencing.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here