App più usata: la prima è Facebook. Tra quelle di Apple, vince Music

App Store Apple - app più usata Centro di Sviluppo App iOS

Quale risposta dareste se vi chiedessero: quale pensiate sia stata l’app più usata nel 2015 sugli smartphone? Molto probabilmente indovinereste, perché la risposta è davvero facile: Facebook. Almeno questo è quanto ha rilevato Nielsen negli Stati Uniti: secondo i dati raccolti dalla società di indagine, sono infatti stati oltre 126 milioni gli utenti USA che mensilmente hanno usato l’app su smartphone. Al secondo posto si è classificata YouTube, che ha raggiunto i 97 milioni di utenti. Sull’ultimo grado del podio troviamo Facebook Messenger, con oltre 96 milioni di utenti, che però ha registrato la maggiore crescita: +31% (l’indagine ha riguardato il periodo gennaio 2015 – ottobre 2015 ma la crescita è valutata confrontando i dati con quelli di ottobre 2014).

App più usata 2015

Nella classifica delle prime 10 app, la parte del leone l’ha però fatta Google, che ha piazzato 4 app consecutivamente, dal quarto al settimo posto: nell’ordine, Search, Play, Maps, Gmail. In ottava posizione si torna in casa Facebook con Instagram. Al nono e al decimo posto troviamo due app firmate Apple: Music e Maps.

Se per Apple Maps ci si poteva aspettare una prestazione di rilievo, forse sorprende un po’ scoprire che Apple Music è tanto usata (oltre 54 milioni di utenti al mese). Va precisato che il dato non si riferisce a chi ha attivato un abbonamento (oggi si stima siano 15 milioni gli utenti registrati al servizio e 6,5 milioni quelli paganti), ma comunque sono da rimarcare sia il valore assoluto sia la crescita (+26% rispetto al numero di utenti del servizio precedente al lancio di Music). Va però sottolineato che Apple Music è presente sia sulla piattaforma iOS sia su quella Android e questo può aver contribuito a raggiungere solo in alcuni mesi di vita un risultato tanto eclatante. Un discorso analogo può spiegare i risultati raggiunti dalle app di Google, anch’esse presenti su tutti e due i sistemi.

LASCIA UN COMMENTO