Android sul Mac

Android sul Mac

Android sul MacI tempi in cui Apple guardava con una certa ostilità il mondo Android sono lontani. Il Mac ha acquisito una buona possibilità di integrarsi e interagire con tutta la galassia Google e questo comprende anche gli smartphone. D’altronde, il numero di utenti Android nel mondo è talmente elevato che essere chiusi nei loro confronti significherebbe, per Apple, alienarsi una bella fetta di clienti.

Con un Mac oggi si può tranquillamente gestire uno smartphone Android, c’è solo qualche limite da tenere presente. La principale differenza con la gestione di un iPhone sta nel fatto che questa è integrata nel sistema operativo OS X e nelle applicazioni standard di base del Mac, mentre per interfacciare un Mac con un dispositivo Android talvolta servono applicazioni o moduli supplementari. Inoltre l’integrazione Mac-iPhone è uno degli elementi fondanti dei servizi iCloud e può essere del tutto automatica, mentre per chi usa uno smartphone Android il mondo iCloud è in parte precluso e diverse funzioni non sono trasparenti.

Restiamo quindi ancora lontani dalla piena sinergia offerta dal binomio tra iOS e OS X – l’iPhone è pur sempre un concorrente degli smartphone Android di fascia alta – ma per diversi aspetti questa distanza non è più rilevante come in passato. Ecco dunque come collegare un Mac e uno smartphone o un tablet Android per sincronizzare contenuti e informazioni. Una sola avvertenza: il mondo Android è più frammentato di quello iOS e vi convivono molte versioni del sistema operativo, quindi è possibile che in alcuni casi le procedure descritte non siano applicabili per le release meno recenti. Come piattaforma di esempio abbiamo usato un Samsung S5 aggiornato ad Android 5.0 Lollipop.

Avviare il dialogo

Android sul MacI dispositivi Android collegati via USB al Mac non appaiono automaticamente come dischi USB esterni, bisogna collegare lo smartphone o tablet e poi lanciare l’applicazione Trasferimento File Android. Appare una semplice finestra in cui sono elencati tutti gli elementi del sistema operativo e delle sue cartelle dati. I file si possono passare da qui al Mac (e viceversa) semplicemente trascinandoli nel Finder. L’applicazione si scarica alla pagina www.android.com/filetransfer.

Non serve un'app specifica

Android sul MacSi può dialogare con un dispositivo Android anche senza installare apposta un’applicazione OS X. Sul Play Store esistono diverse app Android che trasformano il dispositivo in un server HTTP a cui accedere via browser, il punto è trovarne una che sia anche compatibile con OS X Yosemite. Droid Over Wifi di Dmitri Lapushkin ha questa caratteristica e in più è gratuito nella versione di base (ne esiste una Pro che costa un paio di euro). Se il device Android e il Mac sono connessi alla stessa rete WiFi, il secondo accede al primo via browser e, per sicurezza, dopo l’autenticazione con un codice alfanumerico che varia a ogni sessione.

Lo smartphone è visto come una fotocamera

Android sul MacLa sincronizzazione via USB col Mac delle foto conservate su un dispositivo Android è un po’ aleatoria. Da Android 4.0 in poi si collega il dispositivo al Mac, si tocca la notifica che appare sul display del dispositivo stesso e si arriva a una schermata di impostazione in cui attivare l’opzione Fotocamera (PTP). In questo modo lo smartphone è rilevato come fotocamera. Il problema? Non è sempre detto che iPhoto riconosca poi i file immagine, a causa del sistema di denominazione usato in quel particolare smartphone o tablet.

 

Può essere comodo usare Dropbox

Android sul MacSe il nostro smartphone Android rientra tra quelli "sfortunati" possiamo sempre usare Trasferimento File Android, ma la strada più comoda è attivare la funzione di caricamento automatico delle immagini offerta da Dropbox, app che quasi certamente usiamo. In questo modo le foto scattate dallo smartphone passano automaticamente al nostro storage online su Dropbox e da questo poi sul Mac.

 

L'integrazione con iTunes

Android sul MacSembra strano a chi vive da tempo nell’ecosistema Apple, ma si può avere una integrazione quasi piena e completamente automatizzata tra iTunes e i dispositivi Android. Il primo passo è caricare la nostra Libreria di iTunes, come anche i file musicali che non ne fanno parte, nel nostro spazio virtuale di Google Play Music. Lo si fa con il pannello di controllo Music Manager che si scarica da Play Music stesso. Il funzionamento è simile a quello di iTunes Match: sono effettivamente caricati online solo i file che Play Music non ha al suo interno.

Music Manager e Play Music

Android sul MacDopo la prima impostazione, Music Manager può caricare automaticamente su Play Music i brani che scarichiamo successivamente da iTunes Store. Altri upload specifici si eseguono dal menu dell’interfaccia web del player di Play Music, con il comando Add Music. I file protetti da DRM o in formati incompatibili sono ignorati.

 

Posta, contatti e agende

Android sul MacLa sincronizzazione di posta, contatti e agende tra OS X e Android dovrebbe essere la cosa più semplice, invece no. In teoria basta portarsi nella sezione Account Internet delle Preferenze di Sistema e creare un nuovo account Google per il quale impostare poi le sincronizzazioni volute. Capita che Account Internet non riesca a dialogare con i server Google, problema che a volte si aggira creando il nuovo account specificatamente in Calendario, Contatti e Mail. In quanto alla posta, però, va detto che Gmail convive male con quasi tutti i client per via del suo sistema di classificazione a etichette: meglio usare l’interfaccia web.

L'alternativa a pagamento: SyncMate

Android sul MacUn’alternativa trasversale e comoda, ma piuttosto cara, per semplificare tutte le operazioni di sincronizzazione tra un Mac e un dispositivo Android e/o un account Google è SyncMate. Il software gestisce l’allineamento dei dati tra il Mac e vari tipi di dispositivi tra cui quelli Android. Nella versione gratuita gestisce contatti e agende, serve quella a pagamento (circa 40 dollari) per il trasferimento di cartelle, SMS, registro chiamate, preferiti dei browser, foto, brani musicali. SyncMate si scarica alla pagina www.sync-mac.com.

LASCIA UN COMMENTO