Telegram chiamate vocali

Come da tradizione Telegram, l’interfaccia per le chiamate vocali è semplice e lineare. E, sempre da tradizione Telegram, le chiamate vocali sono sicure. Anche le chiamate si basano infatti sulla crittografia end-to-end usata per le chat segrete. Inoltre Telegram ha introdotto un nuovo metodo per verificare se una chiamata è sicura: chiamante e chiamato devono mettere a confronto quattro emoji che appaiono sullo schermo.

Quando è possibile, Telegram utilizza una connessione peer-to-peer per le chiamate, e usa un codec audio ottimizzato per risparmiare traffico di rete pur conservando la qualità audio. Se una connessione peer-to-peer non è disponibile, Telegram si connette al server più vicino, sempre per cercare di offrire una connessione quanto più veloce possibile. Telegram dispone di una infrastruttura distribuita, che viene ora usata anche per le chiamate.

Telegram chiamate vocali

Le chiamate vocali di Telegram sono potenziate dall’intelligenza artificiale: ogni volta che un utente fa una chiamata, una rete neurale impara numerosi dettagli: naturalmente, ci tiene ad assicurare Telegram, non i contenuti delle conversazioni, quanto piuttosto informazioni sulla velocità di rete, sui pacchetti persi e altri dettagli tecnici. In questo modo il sistema AI può ottimizzare automaticamente diversi parametri migliorando la qualità delle successive chiamate.

L’app consente di personalizzare diverse impostazioni per le chiamate vocali e anche disattivarle del tutto. Se l’opzione è attiva, nell’interfaccia principale di Telegram appare una nuova scheda Chiamate.

Oltre alle chiamate vocali in Europa (nel resto del Mondo questa funzione verrà rilasciata man mano nei prossimi giorni), l’ultimo aggiornamento ha portato anche novità minori quali la possibilità di scegliere il livello di compressione di un video prima di inviarlo.

Maggiori informazioni sul sito Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here