Rallenta lo sviluppo di Thunderbird, per Mozilla non è più una priorità

E-mail –

La società sembra voler concentrare gli sforzi nello sviluppo del sistema operativo mobile Firefox OS e confinare a un ruolo di secondo piano il noto client per la posta elettronica, per il quale è comunque assicurato il rilascio di patch e aggiornamenti di sicurezza.

Una notizia poco positiva per gli utenti del client di posta Thunderbird
è da poco apparsa nelle pieghe del web. Mozilla, stando ad alcune
comunicazioni scambiate tra i membri della fondazione, il cui contenuto è stato
poi sostanzialmente confermato con la pubblicazione di questa nota,
avrebbe deciso di accantonare, almeno in parte, lo sviluppo di Thunderbird.

Il client e-mail non sarà messo nel dimenticatoio ma, stando al
nuovo approccio scelto, potrebbe subire aggiornamenti molto meno frequenti
rispetto a quanto accaduto sino ad oggi. La presidente di Mozilla, Mitchell
Baker, ha parlato di una sorta di "congelamento" di Thunderbird per
ciò che riguarda le sue funzionalità portanti: "l'innovazione continua
su Thunderbird non è una priorità
", ha spiegato facendo ritenere come
tutti gli sforzi della società siano ormai concentrati, molto probabilmente,
sul sistema operativo per dispositivi mobili Firefox OS.

Le critiche sono arrivate soprattutto da parte di quegli utenti
che non si ritrovano nella "filosofia cloud" e che quindi
preferiscono mantenere tutte le e-mail memorizzate localmente sui propri
sistemi e non "nella nuvola". Gli utenti di Thunderbird sono oggi
circa 24 milioni mentre quelli di Google Gmail (anche se è necessario
verificare quanti preferiscono scaricare le e-mail e non usare la webmail) sono
425 milioni.

Mozilla assicura che continuerà
comunque a rilasciare patch e aggiornamenti di sicurezza per Thunderbird anche
in futuro. Potrebbe essere quindi ormai definitivamente tramontata l'idea di
estendere il supporto di Thunderbird alla messaggistica istantanea e ai social
network con Mozilla sempre più orientata a inglobare il tutto in Firefox OS.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here