Prestazioni Mac: come misurarle con precisione

Nuovi MacBook Pro 2016 igzo

Uno dei mantra di Apple è sempre stato che le specifiche tecniche contano fino a un certo punto e comunque poco. Ciò che importa non è tanto come è fatto dentro un Mac o un iPhone ma quanto esso risulti performante in base ai compiti che deve svolgere. È una questione di progettazione complessiva, non di “mattoncini” interni. Premesso questo, ci sono caso in cui misurare oggettivamente le prestazioni Mac è utile.

Ad esempio serve farlo quando si deve vendere un vecchio Mac e lo si deve “spiegare” agli acquirenti, quando vogliamo capire se il computer ha qualche problema o per verificare se le sue prestazioni sono sufficienti per compiti specifici. In questi casi le prestazioni Mac devono essere in un certo senso “documentate” in maniera che anche altri possano averle presenti.

L'interfaccia principale di Geekbench 4
L'interfaccia principale di Geekbench 4

Le performance di un Mac si possono misurare per tre aspetti in particolare. Le prestazioni Mac “pure” sono legate al processore e indicano quanto questo possa sostenere compiti di elaborazione. Le performance grafiche derivano dal sottosistema grafico, ovviamente, mentre quelle misurate per lo storage sono una combinazione dello storage stesso e della sua connessione al resto del sistema. Per ciascuno di questi ambiti c’è storicamente una soluzione di riferimento.

Prestazioni pure: Geekbench

Geekbench dei canadesi di Primate Labs è il punto di riferimento indiscusso per il calcolo delle prestazioni pure di un computer, sia esso basato di macOS, Windows o Linux. Si tratta di una suite di test che mette sotto sforzo - nella versione più recente 4 - il processore ma anche la parte della GPU che potrebbe essere usata per i calcoli (se esiste). In questo modo si ha una indicazione precisa delle prestazioni Mac potenziali.

Geekbench può testare anche le capacità di calcolo della nostra GPU
Geekbench può testare anche le capacità di calcolo della nostra GPU

Il vantaggio di Geekbench sta proprio nella sua trasversalità: le prestazioni del nostro Mac possono essere messe direttamente a confronto con quelle di qualsiasi altro computer. Il software testa le performance sia single-core (usando un solo core dei due o quattro che una CPU Mac tipicamente ha) sia multi-core, quindi teoricamente il massimo delle prestazioni Mac possibili. Molte applicazioni però non fanno uso di più core nel loro funzionamento, da qui l’utilità della doppia indicazione.

Geekbench è uno strumento (anche) professionale e quindi ha un costo, seppure limitato. Chi non vuole spendere può optare per una delle vecchie release (2 o 3) oppure per la versione “free” di Geekbench 4: richiede una connessione a Internet ma va bene per usi “normali”.

Grafica e storage

Altre due utility molto note sono le pietre miliari dei test per le prestazioni Mac in quanto a grafica e storage: rispettivamente Cinebench di Maxon e Disk Speed Test di Blackmagic Design (sul Mac App Store). Entrambe sono gratuite.

Cinebench testa la capacità grafica del nostro Mac facendogli gestire una breve animazione 3D con circa un milione di poligoni. Il risultato è un valore i fotogrammi al secondo (fps) che indica il massimo delle prestazioni consentito dal sottosistema grafico. Dato che la dotazione grafica dei Mac non è mai definibile all’avanguardia, di solito i valori di Cinebench per i Mac sono inferiori alla media dei risultati dei PC Windows.

Un rendering di Cinebench
Un rendering di Cinebench

Cinebench ha anche una parte per il test della prestazioni Mac pure, nel senso del processore. Si basa sul rendering di una scena 3D e si può usare come indicazione al posto dei valori Geekbench (che però sono più approfonditi).

Disk Speed Test nasce come utility per indicare a chi lavora in campo video se un certo disco è in grado di supportare la registrazione di flussi video a determinate risoluzioni e cadenza in fotogrammi al secondo. A noi può bastare il risultato di sintesi, che indica la banda massima gestita (in megabyte al secondo) in lettura e in scrittura da/verso il disco.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here