Nuovi chip IBM per i Power Mac?

Gli analisti ritengono che i PowerPC 970 andranno a potenziare il motore dei computer Apple, secondo quanto riportato da Reuters

IBM ha presentato il processore PowerPC 970 come versione "lite" della CPU Power4, a sua volta creata per applicazioni server high-end. La base progettuale è quindi la stessa: la velocità di clock di partenza sarà 1,8GHz, mentre, ricordiamo, i più veloci tra i Power Mac G4 oggi operano solo a 1,25GHz (sebbene in configurazione dual-processor).

Il processore è inoltre in grado di elaborare i dati a 64 bit, pur continuando a essere compatibile con le applicazioni a 32 bit. Per ricavare il massimo del vantaggio dell'elaborazione a 64 bit i sofware dovranno infatti essere, se non scritti di nuovo, almeno adattati e ricompilati per quella architettura.

Il beneficio è comunque fuori di discussione: 1,8 miliardi di cicli al secondo.

La notizia non poteva non far scattare una serie di supposizioni: un chip della famiglia PowerPC superveloce e contemporaneamente compatibile all'indietro, in un momento in cui il rapporto tra Apple e Motorola non si capisce quali prospettive offra.

E infatti nel riportare la notizia della presentazione del nuovo chip, l'agenzia Reuters indica come commento ricorrente degli operatori di settore la convinzione che il PowerPC 970 conquisterà molto probabilmente il posto centrale sulle schede madre dei Power Mac.

La cosa è di difficile previsione. L'unico dato certo è che al momento non c'è alcuna conferma ufficiale ne' da parte di IBM ne' da parte di Apple. Non è da escludere, sicuramente, ma è come minimo prematuro parlare di nuovi processori per il Mac.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here