NAD

NAD C 338 Hybrid Digital è innanzitutto un amplificatore stereo hi-fi, e non potrebbe essere altrimenti, per uno dei marchi storici dell’alta fedeltà (chi ricorda il glorioso NAD 3020 lanciato alla fine degli anni ’70?). È un amplificatore da 50W per canale (in classe D, con un’implementazione che NAD chiama per l’appunto Hybrid Digital) che, per essere fedele al proprio retaggio, incorpora anche un pre phono per il collegamento di un giradischi. Ma l’ampli è tutt’altro che ancorato al passato, e anzi l’integrazione dell’audio digitale è a più livelli.

Innanzitutto mette a disposizione anche input digitali, sia ottici che coassiali. Inoltre offre il supporto Chromecast integrato, il primo amplificatore hi-fi a farlo, dichiara l’azienda. C’è integrato anche il supporto Bluetooth, per il massimo della compatibilità in quanto a streaming audio wireless. E inoltre l’app NAD Remote per iOS e Android consente il controllo dell’amplificatore per le impostazioni, la selezioni delle sorgenti e altro. Annunciato la seconda metà dello scorso anno, NAD C 338 Hybrid Digital è ora disponibile a un prezzo di listino di 790 euro.

NAD C 338

Non è l’unico (né il primo) amplificatore NAD a integrare il supporto per l’audio digitale, a partire dallo stesso D 3020, una rivisitazione del classico amp della casa in chiave digitale. Tra i prodotti introdotti di recente troviamo i modelli C 368 e C 388, definiti “Hybrid Digital DAC Amplifier”: anch’essi integrano funzioni quali input digitali e supporto Bluetooth, in un design modulare in grado di essere espanso con moduli aggiuntivi quali ad esempio per l’HDMI o per il sistema audio multi-room BluOS di Bluesound.

NAD C 338

Informazioni sul sito del produttore e del distributore italiano Pixel Engineering.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here