iPod per audiofili

Esistono sul mercato diverse soluzioni per sfruttare al massimo il nostro fido iPod con un occhio di riguardo per la qualità del suono

Si chiama T-Amp, ed è un piccoletto che sta facendo molto discutere la comunità audiofila nelle ultime settimane, perché promette (e mantiene, se è per questo) di combinare la qualità dell'amplificazione audio della classe A/B all'efficienza della classe D. Può funzionare a pile ma rende molto di più con un alimentatore adatto; si può mantenere sul palmo di una mano ma eroga 15 Watt di qualità sopraffina, con i quali può pilotare degnamente diffusori di ben altra classe (e costo), a patto che non siano di bassissima efficienza.
Il merito di averlo scoperto, almeno in Italia, ma non solo, va alla rivista online TNT-Audio, e al suo direttore Lucio Cadeddu, che l'ha fondata nel 1995; TNT-Audio è diventata un vero punto di riferimento per gli audiofili di tutto il mondo.
Sonic Impact, casa produttrice del T-Amp, propone un kit che per poco meno di 70 dollari include, oltre al piccolo amplificatore, un paio di diffusori leggeri e facilmente trasportabili. Un vero kit tascabile per l'iPod! I diffusori non garantiscono la stessa qualità del T-Amp, ma rappresentano un'ottima alternativa "on-the-road". A casa poi, collegheremo l'iPod, grazie al T-Amp, a un paio di diffusori seri. Ma attenzione: solo materiale non compresso...
Potete leggere qui la recensione di TNT-Audio.

Dagli ultimi ritrovati dell'amplificazione in classe T ai primordi dell'Hi-Fi: le valvole, tuttora considerate i dispositivi di guadagno che assicurano il miglior risultato sonico, non solo in ambito professionale (ampli per strumenti, effetti, ecc.) ma anche domestico. C'è chi ha pensato di costruire attorno all'iPod un sistema completamente a valvole costituito da un pre e da due finali mono, basati sulle valvole KT88 in modalità single ended. L'effetto scenico è notevole, e probabilmente anche quello acustico, ma nasce il sospetto che si tratti più che altro di un'operazione di immagine per sfruttare la grande popolarità di iPod.

Onkyo, uno dei principali produttori di sistemi Hi-Fi e Home Theatre, ha invece annunciato un "remote interactive (RI) dock" che consente di collegare l'iPod alla maggior parte dei propri receiver e dei sistemi integrati audio-video. Il Remote Interactive Dock consentirà all'iPod di sfruttare le potenzialità interattive di controllo dei sistemi Onkyo con un unico telecomando; servirà inoltre a ricaricare l'iPod. Usiamo il futuro perché il dock è stato solo annunciato: la sua disponibilità in Europa è prevista entro l'estate.

Naim Audio è un nome storico dell'hi-fi britannica, un marchio che ancora oggi produce diverse linee di prodotti con qualità soniche senza compromessi, e che ha sempre attribuito un'importanza decisiva, per la corretta riproduzione del suono, al sistema di alimentazione degli apparecchi per l'alta fedeltà.
E' abbastanza sorprendente che Naim abbia rilasciato una versione speciale per l'iPod del proprio alimentatore originariamente progettato per il pre phono della casa. i-SUPPLY garantisce 24V di corrente pulita, low-noise e regolata e funziona sia a 100-120V sia a 220-240V (50 o 60 Hz).
Il costo non è trascurabile, ma se volete alimentare al meglio il vostro iPod, probabilmente non c'è soluzione migliore sul mercato...

Ma anche per strada, senza sistemi di amplificazione, è possibile migliorare notevolmente la qualità dell'ascolto, sostituendo gli auricolari inclusi nell'iPod (che comunque sono di qualità superiore alla media, tra i lettori portatili) con cuffie di classe superiore.
La serie PX di Sennheiser (in Italia con Exhibo) offre un ottimo rapporto qualità/prezzo e in alcuni modelli raggiunge livelli di eccellenza (all'interno della propria categoria), come ad esempio nella PX 100, che nonostante la leggerezza e l'ottima portabilità (può essere infatti ripegata su se stessa e infilata con pochissimo ingombro nello zainetto o addirittura in tasca) offre un perfetto equilibrio su tutte le frequenze - anche le basse - e assicura ascolti davvero piacevoli.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here