Il terzo incomodo

Microsoft porta anche sul Mac la tecnologia per la distribuzione protetta di musica online.

Internet. DRM è una tecnologia che, combinando algoritmi di compressione e di crittazione, consente la distribuzione di audio online mantenendo tutte le protezioni dei diritti di copyright. In pratica il formato DRM consentirebbe di controllare che i brani siano ascoltati solo da chi ha pagato per la merce scaricata. Le major discografiche hanno naturalmente dimostrato un grande interesse per questo tipo di soluzione, che coprirebbe un problema lasciato assolutamente scoperto da MP3: la tutela dei diritti commerciali. Guerra aperta alle copie pirata, insomma, sia su Internet sia sui Cd.
La tecnologia può essere applicata sia su brani audio sia su filmati video ed è basata sul formato Windows Streaming Media, diretto concorrente, nel settore dello streaming su Internet, di QuickTime e RealAudio/RealVideo.

Il Product Manager delle tecnologie di streaming di Microsoft ha annunciato che questa tecnologia verrà implementata nella prossima versione del Media Player per Mac, sostenendo che gli utenti MacOS hanno una grande importanza per la casa di Seattle, sia per la predominanza nell'authoring, sia per la loro (letterale!) "lealtà alla piattaforma". Come a dire: convincerli a passare a Windows è più difficile che convincere un milanista a vedere il derby nella curva dei tifosi dell'Inter!

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here