I favolosi anni… ’80

Un gruppo di fuoriusciti da Apple, Macromedia, Sun e Netscape lanciano la sfida del 2000: semplicità dell’interfaccia Mac sulla solidità di Linux.

Palo Alto (Usa). Siamo pronti a scommettere che il nome Eazel Inc. si guadagnerà una certa notorietà entro la prossima estate. Sotto il nome di questa neonata società, operante in una poco appariscente sede nel cuore della Silicon Valley, con le pareti tappezzate di pinguini, si celano alcune fra le menti più brillanti delle rivoluzioni tecnologiche degli ultimi venti anni.
Del trio di ex sviluppatori Apple abbiamo già parlato su queste pagine: Andy Hertzfeld, Mike Boich e Susan Kare hanno dato un grosso contributo alla nascita e allo sviluppo del Macintosh, negli anni ottanta. Guy Tribble è un'altra personalità di spicco del gruppo; egli è uno dei più ricercati software designer: tra i principali fautori della nascita del Macintosh nel 1984, aveva seguito Jobs presso Next Inc, dove aveva disegnato l'interfaccia del sistema operativo Next. Da qualche anno era passato su Sun, dove era diventato chief officer per la collaborazione tecnologica con Netscape. Non male come curriculum, e averlo convinto a passare da Sun a Eazel è stato indubbiamente un grande successo per questa società, oltre a dare ancora più peso al progetto.

Ma anche dal punto di vista manageriale ci sono professionisti di grosso calibro: l'investitore principale è Ron Conway, fra i dirigenti troviamo John Colligan (ex Apple e Macromedia) e Mike Homer (ex Apple e Netscape).

Gli obiettivi del progetto? Creare un sistema operativo basato su Linux, che abbia un'interfacia semplice da utilizzare e che rappresenti una svolta simile a quella del Macintosh nel lontano 1984. L'obiettivo commerciale è di entrare in diretta concorrenza con i sistemi operativi desktop: MacOS e Windows. La prima tappa a scandire questa avventura sarà la realizzazione di un'interfaccia grafica per Linux che sarà scaricabile gratuitamente da Internet.

Il progetto è affascinante, e ricorda molto da vicino lo spirito innovativo Apple degli inizi degli anni ottanta, solo che ora la mela fa parte del mainstream e gli outsider hanno la forma di volatili dal becco giallo...

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here