Hitler bloccato in rete

Le associazioni giudaiche spingono Amazon.com a ritirare “Mein Kampf” dagli scaffali virtuali.

Berlino. La vendita e la distribuzione del libro "Mein Kampf", attribuito con molti dubbi a Hitler, in Germania sono vietate da una legge dello stato, per cui il fatto che il testo poteva essere reperito tranquillamente sul sito Amazon.com ha suscitato un mare di polemiche tra i politici tedeschi. In un primo tempo Amazon aveva minimizzato la questione sostenendo che coinvolgesse solo una sparuta minoranza, il centro Simon-Wiesenthal ha invece portato dei dati secondo i quali tra i primi dieci titoli venduti in Germania dalle pagine di Amazon.com figurasse proprio il libro "maledetto".
Ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata un'indagine portata avanti anonimamente in Germania che ha portato alla luce il fatto che, ordinando il libro, l'utente si vedeva recapitare a casa anche una guida di letture consigliate e argomenti correlati, il cui contenuto ha fatto perdere la pazienza ad associazioni e vari ambienti del Parlamento tedesco. Rappresentanti del centro Simon-Wiesenthal a Los Angeles hanno quindi chiesto a Jeff Bezos di interrompere la vendita di tale materiale in Germania; il presidente di Amazon.com ha infine dato dimostrazione di non mancare di buon gusto accettando il ritiro dei titoli scottanti da Amazon.com.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here