Evoluzione creativa

Adobe Creative Suite 2, per flussi di lavoro di stampa, web e dispositivi mobili sempre più veloci

Dopo un periodo di rodaggio effettuato proprio nel nostro Paese, Adobe ha investito molto nella Creative Suite, la raccolta dei programmi di ambito publishing/creative della software house, tanto che le singole applicazioni ormai vengono aggiornate e nominate in corrispondenza del passaggio di versione della raccolta intera. È quello che sta avvenendo ora, con la presentazione anche per il mercato italiano della Creative Suite 2: sono stati aggiornati sia i principali programmi (Photoshop, Illustrator, InDesign e GoLive) sia quelli "di contorno", come Version Cue e gli inediti Bridge e Stock Photos.

Quest'ultimo serve per navigare dal proprio computer (ovviamente collegato a Internet) diverse banche immagini dei più famosi fornitori, con la possibilità di effettuare ricerche incrociate per parole chiave e di scaricare sul proprio hard disk le versioni in bassa risoluzione per fare tutte le prove desiderate; quando si è presa una decisione definitiva, si può procedere all'acquisto della versione in alta risoluzione direttamente dall'interno di Stock Photos.
Bridge, invece, è l'evoluzione del File Browser che era contenuto in Photoshop, solo che ora abbraccia tutti i programmi e un numero maggiore di file (oltre ai precedenti sono supportati anche i formati PDF, .psd, .ai, RAW e quelli di InDesign) per sostituirsi al Finder nella gestione dei documenti legati alla Suite: se ne possono vedere le anteprime e le diverse versioni, oltre che organizzarli e aprirli a colpi di Drag&Drop. Fra le diverse personalizzazioni, Bridge può essere visualizzato come una comoda palette flottante e riducibile a piacere.

Nel nuovo Illustrator, invece, spicca il comando Live Trace per vettorializzare i disegni al tratto o le scansioni, un po' come faceva il vecchio Streamline ma con tecnlogia completamente nuova scritta da zero. Interessanti anche Live Paint, per colorare facilmente le aree di un'immagine vettoriale anche se queste non dovessero essere "chiuse" e la generale riorganizzazione delle palette e della barra dei comandi, ora personalizzabili e più conformi a quelle degli altri programmi.
Per quanto riguarda InDesign, che è giunto a un'invidiable maturità, segnaliamo soprattutto i cosiddetti "snippets", ovvero piccoli file - anche relativamente complessi - composti da diversi oggetti (cornici, testo con stile, sfondi) che possono essere salvati per un eventuale riutilizzo successivo, come anche esportati al di fuori dell'applicazione per essere magari trasferiti su un'altra postazione. Non mancano diverse funzioni utili per automatizzare il più possibile i lavori ripetitivi, come quella che consente di importare in un colpo solo un file PDF multipagina in diversi box differenti.

La novità più importante di GoLive, infine, è relativa alla possibilità di generare contenuti (anche MMS) da adattare ai più svariati dispositivi, come i palmari e i telefoni cellulari di terza generazione, con tanto di anteprima a schermo di come appariranno sul ridotto display di diversi device.

L'ultima grossa novità, perlomeno per una certa categoria di utenti, è data dalle nuove misure antipirateria adottate da Adobe: tutti i programmi della suite devono essere attivati per mezzo di un numero seriale entro trenta giorni dall'installazione; questo numero viene inviato via Internet ai server Adobe insieme a un numero casuale generato in base alle caratteristiche hardware della macchina: se la combinazione risulta valida allora quel computer viene autorizzato. Adobe si è premurata di sottolineare che non viene inviata alcuna informazione personale e, secondo la licenza, è possibile installare i programmi su due macchine contemporaneamente; qualora si volesse installare la suite su un terzo computer, sarà necessario togliere l'autorizzazione a uno dei due Mac precedenti per mezzo della stessa procedura.
La Creative Suite 2 sarà disponibile in estate inoltrata. I prezzi sono fissati in 1.799 euro per la versione Premium (con tutti i programmi citati sopra più Acrobat 7 Professional) e 1.399 per quella Standard (come la precedente ma priva di GoLive e Acrobat Pro); i singoli programmi vengono 899 euro Photoshop CS2, 649 euro Illustrator CS2, 1.129 euro InDesign CS2 e 479 euro GoLive CS2. Ovviamente sono disponibili gli upgrade dalle versioni precedenti, con diversi scaglioni di prezzo a seconda di quale sia la verisone di partenza.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here