Entra in vigore la tassa anti-copia

I supporti ottici vergini sono più cari a causa della nuova legislazione sul copyright, ma si iniziano a sentire le voci critiche, non più limitate ai soli utenti finali: il commento di LG

LG Electronics Italia si è infatti espressa negativamente in merito
all'entrata in vigore, il prossimo 29 aprile, del nuovo decreto legislativo
n.68 in attuazione della direttiva 2001/29/CE, sull'armonizzazione di taluni
aspetti del diritto d'autore e dei diritti connessi nella società
dell'informazione.
Così in un comunicato:

In sintesi, il nuovo decreto che recepisce la cosiddetta Eudc (European
Union Copyright Directive), è rivolto a proteggere tutte le opere rientranti
nella tutela del diritto d'autore, dalle composizioni musicali al software.
I produttori italiani dovranno dotarsi di misure tecnologiche di protezione
del copyright, i cosiddetti dispositivi anticopia. I supporti ottici vergini
diventeranno così più cari: la tassa sui cd dati CD-R e CD-RW da 650Mb passa
da 0,05 euro a 0,23 euro, mentre il costo per DVD-R, DVD-RW sarà di 0,87
Euro per Gbyte, in caso di capacità superiori si applicherà una quota
proporzionale aggiuntiva.

La società coreana manifesta la sua contrarietà verso l'introduzione di
questa nuova normativa, che avrebbe come unico risultato un notevole aumento
dei prezzi sia dei DVD sia dei CD-R/CD-RW, andando a ledere il consumatore
finale. LG Electronics Italia sostiene infatti che la nuova legislazione
andrebbe unicamente a penalizzare l'uso per scopi privati di copie
personali, tassando ulteriormente l'utente finale.

Il nuovo decreto legislativo creerebbe anche disparità di trattamento fra i
diversi paesi dell'Unione Europea, dove invece dovrebbe essere rilevante
trovare l'armonizzazione nei prezzi, contribuendo alla costruzione del
prezzo al cliente.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here