Elgato EyeTV Sat

Test –

Dispositivo per la ricezione di programmi televisivi da satellite anche in alta definizione, dotato di slot Common Interface. Semplice da usare, che consente l’esportazione delle registrazioni in vari formati.

La possibilità di sfruttare il proprio Mac per la visione e la registrazione dei programmi televisivi non è certo una novità, ma finora erano escluse le trasmissioni da satellite. Elgato ha colmato questa lacuna con l'EyeTV Sat, un dispositivo esterno che si collega direttamente all'antenna della parabola e al Mac tramite una porta USB. In perfetto stile Mac mini, la scocca dell'EyeTV Sat è in alluminio, con la parte superiore in policarbonato bianco translucido. Le dimensioni non sono quelle dei ricevitori miniaturizzati disponibili da tempo per la ricezione dei programmi televisivi terrestri, semplicemente perché il dispositivo dispone di uno slot Common Interface che, se si è abbonati a un servizio pay-tv, permette di ricevere anche le trasmissioni a pagamento fornite dai diversi provider (restano esclusi quei provider che richiedono l'impiego di un decoder proprietario, ad esempio Sky). Come tutti gli altri prodotti della Elgato, il soft­ware che ne controlla il funzionamento è l'ottimo EyeTV 3, l'applicazione più diffusa per la ricezione della televisione con il Mac, una vecchia conoscenza per i nostri lettori più assidui.

Direttamente dalla parabola
L'installazione è semplicissima, almeno se già si possiede una parabola per la ricezione satellitare orientata nella giusta direzione o un impianto centralizzato. L'orientamento della parabola è l'unico problema che può presentarsi in questa fase, poiché il software non mette a disposizione alcuno strumento specifico per facilitarlo. In pratica, occorre procedere per tentativi: solo quando si è riusciti a sintonizzare qualche canale presente su un certo satellite, è possibile migliorare la ricezione aiutandosi con uno dei pannelli delle Preferenze di EyeTV, che mostra la qualità e la potenza del segnale. L'elenco dei satelliti che è possibile ricevere è completo e comprende anche quelli “invisibili” dalle nostre latitudini.
In alcune posizioni orbitali sono presenti più satelliti, ma questo non crea alcun problema, poiché il software sintonizza automaticamente tutti i canali televisivi e radiofonici trasmessi da quella posizione. Soprattutto per le posizioni più affollate, possono essere necessari diversi minuti per il completamento dell'operazione, che non richiede comunque alcun intervento da parte dell'utente.
Se necessario, la sintonizzazione di un singolo canale può essere fatta manualmente, specificando tutti i parametri del caso (frequenza, polarizzazione, FEC, modulazione ecc.). Si possono memorizzare i canali trasmessi da quattro posizioni orbitali diverse, ma a meno di disporre di una parabola motorizzata o dotata di feed multipli, la parabola andrà di volta in volta orientata nella giusta direzione.
Con EyeTV Sat si possono ricevere sia i canali televisivi in definizione standard, compressi con il metodo MPEG-2, sia quelli in alta definizione compressi in H.264, trasmessi con i sistemi di modulazione DVB-S o DVB-S2. Il segnale è registrato sull'hard disk del Mac senza alcuna conversione, garantendo quindi la massima qualità, ma è possibile in seguito convertirlo in altri formati. La dimensione dei file registrati dipende dal bitrate utilizzato per la trasmissione di ciascun canale: tipicamente quelli in definizione standard non superano i 4 o 5 Mbps mentre quelli in HD possono arrivare a tre volte tanto. Nel secondo caso, una registrazione della durata di un'ora corrisponde a un file da circa 6 GB e vale la pena sottolineare che per la visione delle trasmissioni in alta definizione è consigliabile un Mac dotato di processore Intel Core 2 Duo.
EyeTV permette di registrare la trasmissione che si sta guardando, interrompere la visione in qualsiasi momento e riprenderla in seguito, eventualmente saltando le interruzioni pubblicitarie e continuando a registrarla. Per questa funzione si può sfruttare sia il disco rigido, sia la RAM del Mac, ed è possibile stabilire in precedenza lo spazio da utilizzare.

Registrare e condividere
Programmare una registrazione è un'operazione semplicissima sfruttando la guida elettronica ai programmi fornita dal servizio tvtv accessibile per un anno dalla sua attivazione, abbonamento offerto gratuitamente con l'acquisto di un qualsiasi sintonizzatore della Elgato. Non tutti i canali sono però coperti da questo servizio, ma per tutti i più importanti è comunque disponibile la guida elettronica DVB. In ogni caso, è possibile programmare manualmente la registrazione specificando il canale, la durata e l'eventuale ripetizione periodica.
EyeTV mette a disposizione gli strumenti essenziali per effettuare le operazioni base di modifica dei filmati utilizzabili, ad esempio, per eliminare le interruzioni pubblicitarie. I filmati possono essere poi convertiti in vari formati e il soft­ware propone una serie di impostazioni predefinite per i dispositivi più diffusi. Le registrazioni si possono facilmente condividere fra tutti i Mac collegati alla rete locale e, previa conversione, è possibile riprodurli anche su iPod touch o iPhone collegati in Wi-Fi direttamente al Mac su cui sono registrati.
La novità della versione 3.2 di EyeTV consiste nella possibilità di vedere le trasmissioni in diretta, o registrate, su un iPhone o iPod touch utilizzando l'app omonima venduta sull'App Store. Grazie a questa, si può stabilire un collegamento Internet attraverso il servizio My EyeTV messo a disposizione dalla Elgato con il Mac su cui è in funzione il software EyeTV, consultare la guida programmi, cambiare i canali, programmare le registrazioni e vedere qualsiasi filmato registrato in precedenza, il tutto da qualsiasi angolo del mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here