Ballz, un Breakout un (bel) po’ rivisitato

Breakout ha introdotto nel mondo dei videogiochi il concetto di muro di mattoncini da abbattere a colpi di palline, da allora replicato e imitato decine di volte. Con Ballz gli sviluppatori di Ketchapp hanno voluto aggiornare il gameplay tradizionale adattandolo a uno stile di gioco più da casual gamer, che richiede cioè meno attenzione e riflessi. Con anche un pizzico di Tetris, se vogliamo.

Il controllo della pallina in Ballz non è affidato a un “paddle” nella parte bassa dello schermo ma si gestisce come nelle simulazioni del biliardo: una linea ci indica che direzione daremo al nostro tiro prima di eseguirlo. Una volta lanciata, la pallina colpisce alcuni mattoncini quadrati sparsi per lo schermo in maniera non uniforme. Ogni mattoncino ha un numero che diminuisce di una unità quando viene colpito, arrivato a zero il mattoncino scompare.

Nel suo percorso la pallina rimbalza sui mattoncini e sui lati dello schermo, quando poi ritorna in fondo al display non ne esce - non è quindi persa, come in Breakout - ma si ferma lì pronta per un altro tiro. A quel punto però i mattoncini scendono verso il basso di una fila, con l’ingresso di altri. Come in Tetris, più o meno.

La logica del gioco è subito chiara. Non c’è la frenesia di Breakout ma bisogna pianificare i tiri in modo che colpiscano ogni volta più mattoncini possibile, concentrandosi su quelli con i numeri più alti. Per fortuna il numero delle nostre palline aumenta quando una di esse colpisce dei circoletti sparsi tra i mattoncini. Senza questa maggiore potenza di fuoco superare i livelli è impossibile.

Ballz
Developer: Ketchapp
Price: Free*
  • Ballz Screenshot
  • Ballz Screenshot
  • Ballz Screenshot
  • Ballz Screenshot
  • Ballz Screenshot
  • Ballz Screenshot
  • Ballz Screenshot
  • Ballz Screenshot
  • Ballz Screenshot
  • Ballz Screenshot
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here