Windows 8? Per Jakob Nielsen terrorizza gli utenti

Opinioni –

Parlando del nuovo sistema operativo, uno dei massimi esperti di usabilità non usa giri di parole: funzionalità nascoste, ridotta possibilità di scoprirle e due interfacce sullo stesso dispositivo sono scelte destinate a far nascere problemi sia nei neofiti sia nei più smaliziati.

Windows 8 incassa in giudizio
negativo da parte di Jakob Nielsen, uno dei massimi esperti a livello
mondiale in termini di usabilità. Sul suo blog, l'esperto di riconosciuta fama
internazionale ha espresso tutte le sue riserve su Windows 8 valutandolo
come un prodotto ben lungi dal venire incontro alle esigenze degli utenti,
siano essi neofiti o smaliziati. La posizione di Nielsen sul sistema operativo
che Microsoft ha ufficialmente portato al debutto poco meno di un mese fa è
riassunta in due righe che rappresentano il sommario dell'intera analisi:
"funzionalità nascoste, ridotta possibilità di scoprirle, affollamento
cognitivo dovuto all'impiego di due diversi ambienti di lavoro, liberta
d'azione piuttosto limitata da una singola finestra, bassa densità di
informazioni
", si legge.

Secondo Nielsen, Windows 8 si è allontanato dalla visione di
Bill Gates del sistema operativo introducendo un'interfaccia a piastrelle che
nasconderebbe alcune funzionalità di grande interesse per gli utenti. "Avere
due interfacce differenti sullo stesso dispositivo è la strada che porta dritta
dritta a problemi di usabilità
", sostiene l'esperto danese, classe
1957. "Gli utenti debbono ricordarsi dove andare per accedere a
funzionalità specifiche; eseguendo il browser in entrambi gli ambienti, gli
utenti vedranno solamente (e potranno accedere) a un ridotto sottoinsieme di
pagine; passare da un'interfaccia all'altra aumenta il costo in termini di
interattività nell'utilizzare di funzionalità multiple; i due ambienti di
lavoro operano secondo modalità differenti aprendo le porte a un'esperienza
d'uso inconsistente
".

La critica che Nielsen riserva a Windows 8 è piuttosto feroce:
c'è un'incongruenza anche nel nome, Windows 8 dovrebbe chiamarsi
"Microsoft Window" (senza la "s") perché con l'interfaccia
in stile Windows Store, sulla quale il colosso di Redmond ha scommesso tanto,
di fatto permette la visualizzazione di una sola finestra. Se un approccio del
genere è senza dubbio interessante sui dispositivi mobili, mal si adatta alle
attività di un utente evoluto che esegue almeno una decina di applicazioni
simultaneamente con il suo personal computer.

Anche lo stile scelto da Microsoft per l'interfaccia destinata
alle applicazioni Windows Store non piace a Nielsen: "è troppo piatto",
sostiene, pur riconoscendo la scelta di un carattere tipografico valido e di
combinazioni di colori che facilitano la lettura delle informazioni. "Il
nuovo look, però, sacrifica l'usabilità dell'altare della diversità rispetto
alle precedenti interfacce utente
".

Un'impostazione simile, inoltre, sarebbe troppo ridotta
all'osso: anche su display di dimensioni interessanti, le applicazioni in stile
Windows Store proporrebbero poche informazioni. È questa la "bassa densità
informativa" di cui parlava Nielsen nel "sommario". L'esperto fa
notare come qualsiasi magazine online, con risoluzioni elevate, riesca a
proporre una vasta schiera di informazioni; cosa che invece non accade con le
applicazioni concepite per la nuova interfaccia grafica "a
piastrelle" di Windows 8.

Nielsen considera l'esperienza d'uso di Windows 8 sui personal
computer completamente inadeguata: parla addirittura di "un mostro che
terrorizza i poveri lavoratori aziendali e soffoca la loro produttività
".
Il danese, però, suggerisce che con alcune modifiche in termini di design,
anche "modeste", si potrebbero migliorare nettamente le cose. "Non
sono un fan di Apple o, di contro, un oppositore di Microsoft
",
conclude Nielsen. "Non sono né l'uno né l'altro. Sono passato dal mio
Macintosh a Windows molti anni fa e sono rimasto molto soddisfatto di Windows 7
".
Nielsen, aggiungendo che si terrà ben stretto Windows 7 sperando in tempi
migliori con l'arrivo di un futuro Windows 9, ha ricordato di aver
pubblicamente apprezzato l'interfaccia "ribbon" lanciata con Office e
di aver definito Microsoft Kinect "un eccitante passo in avanti
nell'interazione uomo-macchina
".

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here