Reflex entry-level, Canon gioca due assi

Fotocamere digitali –

Si tratta delle nuove EOS 600D (18 Mpixel) e 1100D (12,2 Mpixel). La prima ha il display LCD orientabile e può riprendere filmati in Full HD, la seconda solo in HD. Entrambe usano lo stesso sistema di misurazione dell’esposizione della 7D. Saranno in commercio in marzo.

Canon
rinnoverà dal prossimo mese di marzo l’offerta entry-level del suo parco di
reflex digitali con le due nuove Eos 1100D e 600D. Si tratta di due macchine
piuttosto differenti tra loro, che però ereditano diverse caratteristiche dai
modelli di fascia alta, diventando quindi delle proposte economiche con un
elevato potenziale. Vediamole più in dettaglio.

La
600D è il successore della 550D, ma sarebbe più corretto dire che è la sorella
minore della 60D perché sono molti i punti di contatto con quest’ultima. A
partire dalla più evidente, ovvero il display LCD da 3” e 1 Mpixel orientabile
al sensore CMOS APS-C da 18 Mpixel, dal processore Digic 4 a 14 bit al range di
sensibilità ISO da 100 a 6.400 (espandibile fino a 12.800).

La
nuova reflex usa un sistema di messa a fuoco a 9 punti ad area estesa (centrale
a croce, f/2.8), il medesimo sistema di misurazione iFCL della 7D a 63 zone e
permette scatti fino a 3,7 fotogrammi al secondo.

Quale
prodotto destinato a un pubblico poco esperto presenta numerose funzioni
pensate per venire in aiuto del fotografo, come Scena Smart Auto, che analizza
l’inquadratura e sceglie automaticamente le migliori impostazioni di scatto, o
Picture Style “Auto”, che esegue automaticamente regolazioni di precisione sui
colori.

I
neofiti della fotografia troveranno particolarmente coma la Guida delle
Funzioni, che offre una breve descrizione di ogni impostazione chiave e il
relativo effetto. Mentre Basic+ permette di cambiare l'atmosfera di una scena,
scegliendo il “tono” che si vuole ottenere tra otto opzioni differenti, tra cui
“caldo”, “freddo” o “intenso”.

Ampio
spazio anche alla creatività sono poi offerti da effetti come Fish-eye
Miniature, Toy Camera, Bianconero Sgranato e Soft Focus che possono essere
applicati agli scatti direttamente all’interno della fotocamera.

La
Eos 600D può anche riprendere filmati in Full HD a 1080p e la nuova funzione
Movie Digital Zoom, permette di avere un ingrandimento da 3 a 10 volte durante
le riprese.

Da
sottolineare infine che, grazie alla funzione Easy Wireless può comandare flash
a distanza, separati dal corpo macchina.

Come detto,
EOS 600D sarà disponibile da marzo al prezzo di 800 euro in versione solo corpo
e di 907 euro in kit con il nuovo obiettivo 18-55mmm f/3,5-5,6 IS II.

La Eos 1100D si pone un gradino al di sopra della
1000D ed è proprosta come la prima reflex per i principianti. Condivide con la
600D il processore Digic 4, il sistema autofocus a 9 punti, l’iFCL a 63 zone,
la Guida delle Funzioni e Basic+. Il sensore è sempre un CMOS APS-C ma con risoluzione
da 12,2 Mpixel, mentre il display non è orientabile, ha diagonale di 2,7” e
risoluzione di 230.000 punti.

Può scattare foto a raffica a una velocità di 3
fotogrammi al secondo e riprendere filmati in formato HD. La sensibilità ISO
spazia da 100 a 6.400.

Il solo corpo sarà in vendita dal prossimo mese a
480 euro. Ci saranno anche tre versioni kit: con ottica EF 18-55mm
DC III a 533 euro, con ottica EF 18-55mm IS II a 587 euro e con i due obiettivi
a EF 18-55mm DC III e EF 75-300mm III DC a 715 euro.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here