Pronto il browser Opera 11

Browser –

L’undicesima versione di Opera si arricchisce del supporto delle estensioni, che consenotno di ampliare le potenzialità del browser. Ma integra anche l’interfaccia “Panorama”, che caratterizzerà il prossimo Firefox 4.0.

Disponibile l'undicesima versione del browser web Opera, di cui è particolarmente apprezzata in ambito mobile la versione compatta Opera Mini.

La nuova edizione per desktop e notebok ha guadagnato una maggiore stabilità rispetto alle versioni beta che si sono susseguite nel tempo, introducendo tutta una serie di funzionalità aggiuntive. Innanzi tutto, l'undicesima versione di Opera si arricchisce del supporto per le estensioni: un'API di dimensioni molto ridotte consente agli sviluppatori di ampliare le caratteristiche del browser come avviene già in Safari o in Mozilla Firefox. A titolo esemplificativo, nell'apposita area del sito di Opera sono già pubblicate decine di estensioni, tutte scaricabili con un semplice clic (hanno estensione .oex ovvero Opera Extension). Le duecento  disponibili sono ancora un numero limitatissimo rispetto a quelle offerte, per esempio, nel caso di Mozilla Firefox ma sono comunque cresciute rapidamente a partire dal rilascio della prima "alpha" di Opera 11 lo scorso ottobre.
Uno dei portavoce di Opera ha chiarito che la società intende mantenere il tradizionale impianto basato sui widget supportando contemporaneamente l'utilizzo delle estensioni.

Le novità di Opera 11 riguardano anche l'interfaccia: ricalcando la funzionalità "Panorama" che farà ufficialmente mostra di sé in Firefox 4.0, il browser della software house norvegese provvede a raggruppare, sotto forma di miniatura, il contenuto delle varie schede aperte poco sotto la barra del menù. Per unire più schede in un solo gruppo, è sufficiente effettuare un'operazione di trascimento da una "tab" all'altra.

Dal punto di vista della sicurezza, Opera 11 introduce un nuovo meccanismo per segnalare all'utente quei siti web che risultano completamente sicuri ed un sistema per il caricamento "on demand" dei plugin sviluppati da terze parti. Il browser di Opera provvede a caricare plugin quali Flash Player, QuickTime o Silverlight solo al momento dell'effettivo utilizzo, sveltendo così la visualizzazione delle pagine web e mitigando eventuali problemi di sicurezza derivanti dall'uso di versioni non aggiornate dei medesimi plugin. I tecnici di Opera dichiarano di aver così reso il browser il 30% più veloce.

Le cosiddette mouse gestures consentono, cliccando con il tasto destro su qualunque pagina web, di avere dei controlli aggiuntivi per la "navigazione" facilitata tra schede e siti.

Opera 11 fa proprie diverse specifiche di HTML5, non ancora ufficialmente approvato come standard, ed è facile prevedere che il supporto sarà esteso non appena verranno rilasciate le prossime release "minori" del browser.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here