Pixartprinting: obiettivo 100.000 raggiunto

Stampa online –

La società veneta di stampa online B2B ha doppiato quota 100.000 sia in termini di clienti attivi sia di utenti registrati sulla pagina Facebook. Ma ha anche assunto una dimensione ancor più internazionale grazie all’ingresso nel capitale societario del leader del settore Vistaprint.

Non c’è dubbio, per Pixartprinting 100.000
è sicuramente un numero magico. Tanti infatti sono i clienti attivi nell’ultimo
anno in Europa, tanti i fan della pagina Facebook italiana – una community
estremamente numerosa per un’azienda B2B. Due traguardi apparentemente slegati,
in realtà entrambi frutto dell’impegno che Pixartprinting ripone nell’attività
di customer service. Se l’ampliamento della base clienti sicuramente da un lato
deriva dalla qualità garantita in termini di prodotto, la soddisfazione e la
fidelizzazione sono la naturale espressione del servizio che conferisce un
valore aggiunto imprescindibile. Servizio che l’azienda declina in tantissime
attività e che si esprime attraverso il dialogo multicanale: dal tradizionale
call center fino ai social network.

Attivata nel 2011 come canale
promozionale, la pagina Facebook Pixartprinting.it si è trasformata in
breve tempo in una vera community. Un luogo dove addetti ai lavori e curiosi
possono trovare risposte veloci, dialogando in maniera friendly con l’azienda.
Un mezzo utilizzato da Pixartprinting non solo per presentarsi, ma anche per relazionarsi
attraverso nuove forme di interazione. Ai 100.000 Pixartprinting social lovers vengono destinate
iniziative promozionali esclusive e attività di engagement. Tra queste #iousopixartprinting, l’hashtag
lanciato per invitare i clienti a postare immagini dei propri progetti stampati
da Pixartprinting, condividendo con la community la propria esperienza. E per
ridurre la distanza fisica tra utilizzatori e sito e-commerce, Pixartprinting
ha recentemente inaugurato su FB la rubrica #dietrolequinte, che con la formula del gaming svela i sistemi
produttivi utilizzati nella sede di Quarto D’Altino. Ma non solo, perché la
vera forza di un’azienda è nelle persone ed è per questo che il wall di FB sta
ospitando l’appuntamento con #mettiamocilafaccia, fotografie dei team Pixartprinting
pubblicate ogni lunedì per dare un volto ai referenti con cui i clienti spesso
si relazionano al telefono, via chat, via email.

Facebook dunque rappresenta per
Pixartprinting un “my media” a tutti gli effetti per una comunicazione diretta
con l’utenza. “Il dialogo sui canali
social è l’ennesima conferma della nostra politica volta alla massima
trasparenza
commenta Davide Turatti, Digital Marketing
Manager di Pixartprinting – “Questa comunicazione diretta per noi è una risorsa
preziosa, non solo in termini di customer service ma anche di business.
Ascoltando i commenti, le richieste e anche le critiche, possiamo trasferire al
nuovo
reparto R&D nuovi input con l’obiettivo di ottimizzare ed
arricchire l’offerta in linea con le reali esigenze espresse dai clienti”
.

Il successo della pagina italiana, che registra un trend di crescita media di circa 250 like
al giorno, ha spinto l’azienda ad aprire nel tempo nuove pagine FB anche per i
Paesi stranieri, ovviamente tutte con contenuti in lingua e gestite da
personale madrelingua. Attualmente Pixartprinting dispone di una pagina FB in
francese, spagnolo, inglese, portoghese e tedesco, superando complessivamente i
150.000 like.

Ma dal corrente mese di aprile la
dimensione transnazionale della società veneta ha assunto un nuovo e più
importante ruolo. E’ stato infatti ufficializzato l’accordo che vede l’ingresso di Vistaprint,
leader mondiale del printing on line, nella compagine societaria per un
controvalore pari a 127 milioni di euro. Vistaprint acquisirà una
partecipazione del 97% in Pixartprinting; il restante 3% rimarrà di proprietà
del fondatore di Pixartprinting, Matteo Rigamonti. L’accordo prevede un
earn-out su scala indicizzata fino a un massimo di 10 milioni di euro per Pixartprinting,
soggetto al conseguimento dei target di fatturato ed EBITDA per l’anno 2014. Un
accordo che entrerà negli annali della stampa on line perché sino ad oggi rappresenta
la più grande transazione del settore a livello europeo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here