La memoria di tablet e smartphone non è sufficiente? SanDisk ha la soluzione

Archiviazione in mobilità –

Per dare un po’ di respiro ai dispositivi mobili, la società ha creato la linea Connect, composta (per ora) dai modelli multimediale e flash, due espansioni di memoria piccole e facilmente trasportabili. Ce ne ha parlato Alessandro Caruso, Regional Sales Manager di SanDisk Italia.

Abbattere le barriere create
dai sistemi operativi mobili per consentire ai possessori di smartphone e
tablet di condividere i file multimediali. Ma anche di aumentare la capacità di
memorizzazione dei loro dispositivi. Questo è l'obiettivo che si posta Sandisk
e per raggiungerlo ha realizzato la gamma di prodotti Connect: in pratica
delle espansioni di memoria piccole e facilmente trasportabili, che dialogano
con smartphone e tablet tramite collegamento wireless.

Oggi il grosso limite che si riscontra sul versante mobile è la fatica
di fare interagire i prodotti tra loro
- afferma Alessandro Caruso,
Regional Sales Manager di SanDisk Italia -. Si
fa
molto uso di applicazioni per l'instant messaging, ma sono poco convenienti per
lo scambio di file, soprattutto di foto per via della scarsa qualità delle
immagini che è possibile gestire. Un discorso analogo vale per l'email: chi ha
provato una volta a inviare tante foto con la posta elettronica si è trovato ad
affrontare barriere tali che lo hanno sicuramente spinto a non ripetere più
l'esperienza
”.

Per consentire di superare
questi ostacoli, la società propone due prodotti, un'unità multimediale e
un'unità flash, entrambi contraddistinte dalla denominazione Connect e
caratterizzati dalla capacità di consentire la connessione simultanea di più
utenti tramite collegamento wireless: fino a 5 la prima e a 8 la seconda. “Il loro funzionamento è molto semplice -
precisa Caruso -. Si attivano tramite un'app
che può essere scaricata gratuitamente dall'iTunes Store o da Google Play. Tale
applicazione consente anche di
organizzare tutti i propri file multimediali per
memorizzarli, condividerli e inviarli ad altri dispositivi mobili. In questo
senso, i prodotti Connect permettono di
effettuare lo streaming di contenuti
multimediali, come video e film, a più utenti contemporaneamente. E questi
contenuti possono essere differenti l'uno dall'altro
”.

Infatti, ogni
tablet o smartphone collegato a un dispositvo Connect può agire in modo
autonomo: così, per esempio, un utente può ascoltare la musica, un altro può
vedere un film in streaming e un terzo può sfogliare delle foto. “Il tutto con un'autonomia che può arrivare
sino a 8 ore di streaming continuo
”, evidenzia Caruso. 

Questo dato si riferisce al modello multimediale, mentre l'unità flash ha come limite 4 ore. Questi dati, lo abbiamo potuto verificare, sono abbastanza veritieri anche se si mettono sotto pressione le due unità collegando più dispositivi.

La ricarica avviene tramite
computer, cui ci si connette con cavo USB. Questa è anche la via più
comoda e veloce
per caricare i contenuti. La capacità di memorizzazione
non è
prestabilita ma può variare: infatti i due dispositivi come memoria
usano una scheda
SD (o microSD). In dotazione ce n'é una di taglio variabile da 16 a 64 GB. Ma il
fatto di non avere una capacità fissa offre l'opportunità di potere
usare altre schede con al loro interno contenuti
differenti, avendo così a disposizione un archivio potenzialmente senza
limiti.

I due prodotti SanDisk creano una propria rete wireless, differente da quella usata per la connessione a Internet. La copertura teorica massima di questa rete è di una cinquantina di metri. Seppure è difficile pensare che ci si distanzi a tal punto, viene comunque asicurata una copertura sufficiente per non doversi preoccupare di allontanarsi troppo, soprattutto se si è in casa o in ufficio.

La rete wireless "proprietaria" e quella Internet possono convivere e questo consente, per
esempio, di navigare sul Web mentre si sta ascoltando della musica
da uno dei due dispositivi oppure di ricevere delle mail mentre
si sta guardando un film. Da sottolineare che per attivare entrambe le reti non è necessario ricorre a complicate configurazioni: il tutto avviene molto semplicemente dall'applicazione per iOS o Android. Per altro, tale applicazione è davvero facile da usare e chiara nelle sue funzioni. 

Abbiamo molta fiducia nei prodotti Connect e i riscontri che ci
arrivano dalle prime vendite confermano che la nostra fiducia è ben riposta
-
conclude Caurso -. D'altra parte, l'unità
multimediale e l'unità flash non sono che i capostipiti di una nuova gamma di
dispositivi dedicata al mobile e indirizzata allo scambio di informazioni tra
più utenti e alla condivisione di contenuti in tempo reale. Ma possono anche fungere da strumenti
di backup, operazione che può avvenire in automatico
”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here