La fine del cross-over

Sui nuovi PowerBook e PowerMac non c’è più bisogno del cavo incrociato…

Per collegare due computer in rete si è sempre fatto così: con un normale cavo di rete e un hub, oppure con un cavo cross-over. Quest'ultimo è un normale cavo tradizionale, ma con una particolarità: all'estremità i vari fili vengono disposti in maniera esattamente opposta. Così i due computer possono vedersi e si risparmia anche (un cavo crossover costa un po' di più di un cavo normale, ma si tratta evidentemente di poca roba.
Dal luglio scorso, da quando cioè a New York vennero introdotta una nuova generazione di PowerMac G4 (quella appena sostituita dai modelli presentati a San Francisco), Apple ha praticamente decretato la fine del cavo incrociato. La porta Ethernet in questo caso è "autosensitive" è cioè in grado di stabilire se il computer è collegato a un hub (o a una prese di rete) oppure a un altro computer.
Anche il PowerBook G4 Titanium dispone della stessa porta. Le caratteristiche tecniche di questa sono descritte in due note documenti tecnici, uno per il PowerMac G4, l'altro per il PowerBook G4.



Ritorna alla pagina precedente

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here