La Cucina Italiana

Quest’applicazione è stata una delle prime nel genere a comparire sullo Store di Apple nella versione per iPhone. Oggi è disponibile anche una versione, denominata HD, progettata specificatamente per l’iPad. Sono due applicazioni distinte …

Quest'applicazione è stata una delle prime nel genere a comparire sullo Store di Apple nella versione per iPhone. Oggi è disponibile anche una versione, denominata HD, progettata specificatamente per l'iPad. Sono due applicazioni distinte, entrambe a pagamento, progettate e realizzate in funzione del dispositivo a cui sono destinate. Tutte e due le applicazioni hanno la possibilità di scaricare gli aggiornamenti periodici gratuitamente.

L'applicazione per iPhone è caratterizzata da un'interfaccia semplice e ben progettata. Lanciato il programma, in home page troviamo, oltre al campo per la ricerca, cinque diverse voci di menu: Ricette, Ricette Step by Step, Ricette Preferite, I miei Menu e Aggiornamenti. In basso, sotto un piccolo e discreto banner pubblicitario dell'editore, trovano posto quattro icone. La prima è quella della posizione corrente che riporta, da altri ambiti, in home page. Ve ne sono altre tre - La Spesa, Preferiti e I miei Menu - che, dotate di segnalino numerico, ci portano nei relativi contenitori. L'ultima è la funzione Timer, che consente la programmazione dei tempi di cottura con il relativo allarme sonoro.

Dal menu Ricette si naviga all'interno dell'archivio in ragione della portata, dei tempi previsti per la preparazione, del tipo di cottura e della stagionalità. Ogni sottocategoria riporta, tra parentesi, il numero di ricette presenti.

Le ricette sono tutte illustrate, dotate dell'elenco degli ingredienti e delle relative quantità e corredate da un elenco di vini consigliati per l'abbinamento. Il testo del procedimento ha in evidenza le voci che sono presenti nel glossario per un approfondimento. In coda alla ricetta è previsto uno spazio testuale a disposizione dell'utente per riportare note o appunti personali.

Le ricette denominate Step-by-Step, sono un sottoinsieme dell'archivio generale e sono dotate, in aggiunta, di una sequenza fotografica dei vari passaggi di lavorazione.

In alto a destra di ogni ricetta abbiamo la possibilità di aggiungere gli ingredienti relativi nella lista della spesa, inserirla in un menu personale o contrassegnarla come preferita. Tutte queste azioni, aggiungono informazioni ai relativi ambiti in modo da essere richiamate dalle icone che abbiamo visto posizionate nella schermata principale.

La lista della spesa, composta aggiungendo tutte le ricette che vogliamo considerare, molto utile presso il negozio o il supermercato, è dotata della funzione di spunta per gli ingredienti che, mano a mano, sono acquistati.

Passando alla versione per iPad, questa si presenta, come accennato, con un'interfaccia e con funzionalità riviste in funzione del device. La versione HD beneficia sia del maggior spazio a disposizione sul display sia della funzione di orientamento con cui adatta contenuti e interfaccia. Le funzionalità sono sostanzialmente simili alla versione iPhone. In aggiunta, abbiamo però la possibilità di inviare via e-mail
la lista della spesa o di comporre un menu in modo random grazie al suggeritore
di composizione. Un altro contributo presente nella versione iPad sono i video
relativi alle preparazioni di base come la maionese, il brodo o la panna
montata. Nella versione da noi installata e provata i contributi erano in
lingua italiana, ma tutte le voci dell'interfaccia apparivano stranamente in
inglese: un problema risolto con l'ultimo rilascio dell'App. La Cucina Italiana,
in italiano, costa 6,99 euro per iPhone e 6,99 euro per iPad. Per informazioni:
www.lacucinaitaliana.it.

Per le prossime festività, la Cucina Italiana ha reso disponibile un'app (sia in versione iPad sia iPhone) che presenta 100 ricette in tema natalizio la cui struttura rispecchia quella dell'applicazione sopra descritta. Il suo costo è di 2,39 euro.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here