iPhone 8: si rafforza l’ipotesi del display “totale”

iPhone 8 display Oled

Ad Apple non piacciono i bordi intorno ai display: cerca di ridurli in qualsiasi suo prodotto non appena possibile. Per quanto riguarda iPhone, però, è limitata dalla presenza di alcuni elementi che non possono essere integrati nel display. In particolare si tratta del tasto Home e dei sensori di luminosità. Ora, nelle tante ipotesi che si fanno sul futuro iPhone 8 a celebrazione del decennale di iPhone, due brevetti Apple mostrano come eliminare il problema.

Già con iPhone 7 il pulsante Home non è più un vero pulsante ma una zona che vibra mediante il taptic engine sottostante. Potrebbe già essere sotto il display se non fosse per il sensore Touch ID, che deve essere a contatto delle nostre dita per funzionare. E in iPhone 8?

Un brevetto di Apple descrive invece il funzionamento di un nuovo sensore per impronte digitali che può funzionare correttamente anche se tra di esso e il polpastrello del dito da identificare c'è una certa distanza. L'utilizzo di una lente elettrostatica evita che il campo elettrostatico generato dal dito non sia più percepibile dal sensore.

Ai sensori di luminosità dell'ipotetico iPhone 8 ci pensa un altro brevetto denominato esplicitamente Electronic devices with display-integrated light sensors. Qui Apple mostra chiaramente il suo pensiero quando afferma che la necessità di integrare i sensori all'esterno del display porta "un indesiderabile aumento nelle dimensioni e nel peso del dispositivo".

Il brevetto spiega come integrare i sensori di luminosità sotto il display mantenendo inalterate le loro funzioni. Va notato, sempre per dare più consistenza alle voci, che nel brevetto Apple parla esplicitamente di un display OLED in cui integrare i sensori.

(il rendering dell'iPhone "tutto schermo" è di Marek Weidlich)

LASCIA UN COMMENTO