Intel torna a bordo degli iPhone?

Un cuore Intel per i prossimi iPhone?
Secondo quanto riporta in queste ore Bloomberg, l’ipotesi è tutt’altro che improbabile.
Con l’obiettivo di differenziare la sua base di fornitori, Apple avrebbe selezionato i chip modem di Intel per gli iPhone destinati alle reti AT&T e ad altri mercati OltreOceano, affiancando così Qualcomm che resterebbe invece fornitore sia per questo specifico componente nei telefoni destinati alle reti di Verizon, sia per gli altri componenti destinati agli iPhone.
Anche se, come spesso accade in questi casi, tutte le parti in causa mantengono stretto riserbo e non confermano l’indiscrezione, gli analisti già valutano la notizia una vera vittoria per Intel, che non solo troverebbe a sua volta nuovi ambiti di differenziazione, ma comincerebbe a mettere almeno un piede in un terreno – quello della mobility – del tutto dominato da Qualcomm.
E per quanto di indiscrezione si tratti, già alcuni analisti cominciano a interrogarsi sull’eventualità che altri player possano seguire Apple, nella ricerca di una alternativa a Qualcomm.

Quali sono i numeri in gioco?

I numeri in ballo non sono comunque irrisori: per AT&T si parla infatti di 22 milioni di iPhone nel 2016 e di 23 milioni nel 2017, mentre per Verizon le cifre si attestano sul milione di unità in meno per ciascun anno.
Qualcuno ricorda poi che a ben guardare, si può parlare di un ritorno: nei primi iPhone, la componente modem era fornita da Infineon, società successivamente acquisita da Intel, che perse poi il contratto con Apple quando questa scelse Qualcomm che offriva maggiori velocità di trasmissione.
Per Qualcomm, invece, se la notizia fosse confermata non sarebbe una vera e prorpia novità. Bloomberg ricorda infatti come lo scorso mese di aprile lo stesso Ceo della società, Steve Mollenkopf, avesse dichiarato che uno dei suoi principali clienti era intenzionato a passare a una strategia multifornitore.

LASCIA UN COMMENTO