Il futuro dell’audio passa per il Mac

Al Milano hi-end 2008 TangerineTech ha presentato un innovativo sistema di riproduzione sonora. E non era qui l’unico Mac della manifestazione…

Il Milano hi-end è una rassegna di solo audio a due canali organizzata, come il Roma hi-end e il Sicilia hi-end, da The Sound Of The Valve, importatore e produttore di apparecchi hi-fi.

L'edizione 2008 si è chiusa domenica 17 febbraio e ha visto la presenza di più di un Mac, nelle salette degli espositori.

La novità più affascinante ci è sembrato il sistema AD Charon, presentato in anteprima da TangerineTech Engineering e nato dall'esperienza pluriennale di un gruppo di ricercatori e progettisti audio. Si tratta di un sistema di riproduzione sonora dalle caratteristiche molto innovative, basato su un Mac e una scheda audio FireWire. La scelta del Mac è motivata dagli stessi progettisti dal fatto che "è l'unica piattaforma che riesce a far girare in modo ottimale il nostro software di upsampling 32 bit / 192 kHz e correzione ambientale". E' questo software a rappresentare infatti il vero cuore del sistema.

AD Charon ipercampiona il segnale originale fino a 32 bit / 192 kHz e in più interviene a linearizzare la risposta dei diffusori in ambiente, grazie a una correzione parametrica molto sofisticata e di ultima generazione.

Il MacBook utilizzato per la dimostrazione del sistema AD Charon non era però l'unico Mac in circolazione. La ditta Maclementhorn presentava un'anteprima del nuovo sistema di altoparlanti "Strega", e come sorgente per far rendere al meglio questo originale progetto Hi-End Open Baffle aveva scelto un Mac Pro collegato via Toslink al DAC incorporato di un lettore Accuphase.

iTunes e Front Row non si trovavano per nulla a disagio in un contesto così hi-end, quasi "esclusivo", anzi.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here