Beam

A dirla in maniera tecnica e asettica, Beam è un dispositivo indossabile smart (comunica con un’app) e connesso. Fin qui, nulla di nuovo sotto il sole. Siamo ormai abituati a vedere wearable di ogni tipo. Tanto che i device di questo tipo sono entrati finanche nel paniere ISTAT.   

Ma in questo caso non si tratta di uno smartwatch, né di un activity tracker. Beam è un bottone smart di cui possiamo personalizzare l’immagine visualizzata. Un po’ la versione aggiornata, 2.0, delle spille che decoravano i giubbotti di pelle e di jeans.

Beam, immagini da indossare

Dal punto di vista tecnico, Beam dispone di un display AMOLED da 400x400 pixel con milioni di colori (24 bit). Le immagini vengono inviate al bottone via Bluetooth. La batteria dura 24 ore con una ricarica e dispone di funzioni di risparmio energetico auto-dim e auto-sleep. Il dispositivo indossabile è equipaggiato anche di un sensore di luce ambientale e di un accelerometro.

Attraverso Beam possiamo dunque esprimere sostegno e solidarietà a campagne e iniziative. Oppure possiamo sfoggiare sui nostri indumenti, borse o zainetti immagini iconiche del nostro tempo. Oppure semplicemente esprimere uno stato d’animo o un’idea. Il divertimento inizia da una foto o un’immagine sullo smartphone. Può essere anche una GIF animata o uno slideshow e possiamo realizzare le nostre creazioni. È possibile anche ricevere immagini da organizzazioni o dagli amici. E a nostra volta condividere immagini e idee. Tutto ciò, naturalmente, grazie all’app gratuita disponibile per iOS e Android.

BeamInfine, possiamo caricare via Bluetooth l’immagine sul bottone connesso, per condividere le nostre idee e i nostri gusti, la nostra personalità, nel mondo reale.

Maggiori informazioni sul sito del prodotto.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here