Focus salute: Apple acquista Gliimpse

Guarda all’ambito della salute l’ultima acquisizione confermata da Apple.
La società ha infatti reso noto di aver rilevato gli asset di Gliimpse, una startup che ha sviluppato una piattaforma che consente all’utente di riunire in un unico repository tutti i propri dati sanitari, così da poterli eventualmente condividere anche con il proprio medico curante.

Gliimpse è stata fondata tre anni fa da Karthik Hariharan e Anil Sethi, quest’ultimo già dipendente di Apple verso la fine degli Anni Ottanta, con un obiettivo personale, trasformato poi in un target a più ampio spettro: consentire a ogni utente di gestire tutti i dati connessi al proprio stato di salute.
Ogni utente, è la spiegazione, lascia dietro di sé una serie di informazioni ogni volta che viene visitato da un medico o ogni volta che si sottopone a un trattamento sanitario; certo, per il sistema sanitario esiste l’obbligo di fornire al paziente tutti i dati che riguardano la sua salute, tuttavia non c’è omogeneità tra i formati di file e nemmeno tra i dispositivi utilizzati dai medici.

Gliimpse porta tutto in una App

La risposta, in questo caso, viene da una App, che raccoglie tutti i dati della storia medica di un paziente e che può essere facilmente condivisa con il personale sanitario.

La App raccoglie autonomamente, senza richiedere alcun intervento diretto da parte dell’utente, tutti i dati disponibili sui portali medici, integrandoli con i dati che vengono normalmente generati dai dispositivi indossabili utilizzati dallo stesso utente. Il tutto è poi reso in un formato facilmente condivisibile con il proprio medico curante o con altre strutture sanitarie.

L’acquisizione, dicono le cronache, sarebbe in realtà avvenuta nei mesi scorsi ma solo ora Apple la conferma, pur senza precisare l’entità economica dell’investimento.

È comunque evidente che si tratti di una operazione destinata a dare nuova linfa al percorso che la Casa di Cupertino sta compiendo nell’ambito della sanità, in particolare con il lancio di HealthKit, CareKit e ResearchKit.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO