Adobe Muse CC

In un annuncio pubblicato sulla pagina del prodotto, Adobe informa dell’interruzione di nuove attività di sviluppo su Muse CC. Dopo il rilascio di un’ultima release migliorativa dell’app, non ci saranno più ulteriori sviluppi di nuove funzioni.

L’azienda informa che continuerà a offrire supporto tecnico ai clienti Creative Cloud fino al 20 maggio 2019. Dopo quella data, cesserà anche il supporto per Muse CC. Lo sviluppo di Muse era iniziato otto anni fa e la casa di San Jose ha evidentemente nuovi piani.

Adobe Muse CC va in pensione

L’azienda illustra, nella pagina dedicata all’annuncio, i motivi, o almeno le riflessioni che hanno portato alla dismissione di questa app. Riflessioni che partono dall’analisi delle nuove tendenze nella creazione dei siti web. I designer impegnati nella creazione di siti web complessi investono nelle attività di progettazione dell’interfaccia e di sviluppo. Si affiancano dunque a team di programmatori specializzati e approfondiscono le competenze di design e prototipazione. Muse CC non è chiaramente uno strumento adeguato a rispondere alle esigenze dei professionisti di questo tipo.

Per siti web più semplici, il trend è quello di affidarsi a soluzioni Do-It-Yourself basate su template personalizzabili. Di utilizzare piattaforme che consentono la creazione e la modifica semplice di un sito web mediante modelli. Queste soluzioni consentono di realizzare in maniera veloce siti web anche responsivi, che spesso possono essere modificati direttamente dai clienti.

In un tale scenario, si comprime notevolmente la potenziale fascia d’utenza di uno strumento come Muse CC. Diventa dunque comprensibile la volontà di Adobe di dirottare le risorse e gli investimenti verso altre linee di prodotti. Allo stesso tempo ci sarà comunque, purtroppo, un contraccolpo per chi questo software lo usa. Come alternative, Adobe suggerisce XD per il design e la prototipazione. XD però non genera direttamente il codice web, ma si inserisce in un quadro di collaborazione con autori e sviluppatori. Altri strumenti utili per alcune esigenze possono essere Adobe Portfolio e Spark Page.

Per gli attuali utenti di Muse CC, e per chi è interessato, sulla pagina dell’annuncio è disponibile una collezione di domande e risposte sull’argomento.

Adobe ha recentemente rilasciato un update per diverse app della Creative Cloud.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here