Adobe Creative Cloud MAX 2016

Nell’ambito della conferenza internazionale Adobe MAX 2016, che ha visto la partecipazione di più di diecimila persone da tutto il mondo, Adobe ha introdotto le novità relative all’aggiornamento di quella che definisce la release 2017 di Creative Cloud. L’aggiornamento è all’insegna dell’approccio cloud, con la sincronizzazione tra tutti i dispositivi, di un marketplace di contenuti per aiutare a velocizzare la produzione e sull’esperienza d’uso in modo che l’attenzione vada al processo creativo e non agli strumenti.

Alcune delle novità di questo rilascio della Creative Cloud da parte di Adobe sono subito disponibili, altre sono state annunciate e saranno disponibili nei prossimi mesi. Vediamo le principali.

La nuova beta di Adobe XD (Experience Design), lo strumento per la progettazione e la prototipazione di siti web e app mobile, aggiunge il supporto per simboli e layer, i commenti su prototipi condivisi e le app per iOS e Android con cui avere un’anteprima in tempo reale direttamente sul dispositivo. Entro la fine dell’anno sarà rilasciata anche la beta per Windows 10 ed entro la prima metà del 2017 per gli iscritti a Creative Cloud saranno introdotte nuove interessanti funzionalità cloud, quali l’editing collaborativo tra membri del team, il versioning visuale e opzioni di collaborazione con clienti e sviluppatori.

Adobe XD
Adobe XD

Project Felix è invece un’app del tutto nuova, che combina design 2D e 3D. Lo scopo dell’app è di consentire ai designer e ai grafici di ottenere immagini 3D foto-realistiche senza dover necessariamente essere degli esperti di 3D. La beta dispone di una libreria di modelli, materiali e luci con cui è possibile intraprendere subito un progetto. Il rendering in tempo reale aiuta il designer ad avere un immediato controllo sul lavoro creativo e le funzionalità basate sul machine learning del software (quali l’illuminazione e l’orizzonte automatici) assicurano realismo all’immagine anche senza un’approfondita conoscenza del 3D. È un’app che si propone come utile complemento a Photoshop ed è semplice da usare.

Project Felix
Project Felix

Per quanto riguarda le app desktop per il video, After Effects acquisisce un nuovo rendering engine più potente e veloce. La funzione auto-detect VR di Premiere Pro rileva automaticamente il tipo di contenuto VR. Verranno inoltre inserite funzionalità per rendere più efficiente il flusso di lavoro sia in termini di collaborazione basata sul cloud per i team sia per quel che concerne la pubblicazione su diversi canali social.

Anche le app desktop di design guadagnano dei miglioramenti, con più di 85 nuove funzioni, quali la barra di Universal Search in Photoshop, un potenziamento delle funzioni di Illustrator, opzioni aggiuntive per le note a piè pagina in InDesign. Dreamweaver guadagna una nuova interfaccia utente dalla linea più pulita e moderna e un engine del codice più veloce e flessibile. È interessante la ricerca visuale in Stock, su cui Adobe sta lavorando e che consentirà di trascinare un’immagine sul browser per trovare immagini simili ad essa, sempre grazie agli algoritmi di machine learning.

Visual search in Adobe Stock

Gli aggiornamenti e i miglioramenti coinvolgono anche le app mobile e soprattutto Adobe Stock, tra i cui tipi di asset sarà ora possibile trovare anche i template, i materiali e i font. Viene inoltre rilasciato il contributor portal per Adobe Stock e viene resa ancora più profonda l’integrazione con le app di Creative Cloud.

Di Adobe Spark abbiamo parlato sul numero 359 di Applicando. Questo servizio e app di Adobe per realizzare storie e video animati è già disponibile gratuitamente. Gli abbonati paganti avranno la possibilità di accedere ad alcune funzionalità esclusive, a partire da quella che consente di rimuovere il branding Adobe dai progetti.

E poi, oltre alle tante altre novità della Creative Cloud, c’è naturalmente Sensei, il framework per il cloud intelligente.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO