A dieci anni “cracca” Instagram e vince diecimila dollari

instagram icona

Il programma di caccia ai bug che Facebook ha avviato diversi anni fa per incoraggiare chi scopre falle nella sicurezza dei siti che fanno capo al social network ha stabilito un nuovo record: il suo “cacciatore” più giovane ha solo dieci anni. Si tratta di un finlandese che ha scoperto un insidioso bug di Instagram, il social network per la condivisione di immagini che Facebook ha acquisito nel 2012, l’anno dopo la creazione del programma “bug bounty”.

La ricompensa che si ottiene per la segnalazione di bug significativi varia in funzione della loro importanza e pericolosità, in questo caso il giovanissimo Jani – questo il suo nome – ha guadagnato ben diecimila dollari perché ciò che ha trovato era effettivamente rilevante. Prima, secondo quanto ha dichiarato al periodico finlandese Iltalehti che ha segnalato la storia, ha cercato di capire se la sezione dei commenti a una foto postata potesse ospitare codice pericolo. Verificando questo aspetto ha scoperto che in determinate condizioni era possibile per un utente cancellare i commenti degli altri utenti associati a foto qualsiasi, quindi non solo – come è normale – alle proprie.

Non è strano che segnalazioni di bug arrivino da giovani, ma dieci anni è un primato nuovo. Sino ad ora il più giovane a essere premiato da Facebook aveva 13 anni e, più in generale, il più giovare “bug hunter” che si conosca era l’americano Alex Miller, ricompensato da Mozilla back nel 2010 quando aveva 12 anni. Così il periodico finlandese ha approfondito e ha scoperto che Jani è interessato all’informatica da quando aveva otto anni e ha sviluppato le sue capacità di programmatore guardando video su YouTube. Il premio di Facebook servirà a comprare, tra l’altro, una nuova bicicletta.

Da quando è stato avviato, il programma di Facebook ha ricompensato circa 800 persone con un totale di oltre quattro milioni di dollari. Maggiori informazioni a questo link.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO